La partigiana Vittoria insignita della Medaglia della Liberazione

È stato il commissario straordinario del Comune di Borghetto Santo Spirito, dr. Andrea Santonastaso a consegnare, unitamente a S.E. il Prefetto della provincia di Savona dr. Giorgio Manari, la Medaglia della Liberazione, conferita con decreto del ministro della Difesa, alla sig.ra Colla Adriana, la partigiana “Vittoria”.

La cerimonia si è svolta nell’auditorium del complesso monumentale di S. Caterina di Finale Ligure, gremito di familiari di partigiani, ex internati nei lager nazisti, combattenti inquadrati nei reparti delle Forze Armate che assieme alla Borghettina hanno ritirato l’onorificenza.

“Siamo grati al Ministro per il conferimento di questa medaglia alla sig.ra COLLA Adriana – ha detto il dr. Andrea Santonastaso. La Resistenza fu un momento di rottura, fu sacrificio, sofferenza, fame e freddo, ma anche gioia di sentirsi dalla parte della giustizia e della libertà”.

All’appuntamento di oggi non ha potuto purtroppo partecipare direttamente l’interessata per ragioni di salute, cosa che invece aveva fatto personalmente l’8 settembre in occasione dell’inaugurazione del Monumento alla resistenza, che Ella aveva donato alla città. Il riconoscimento è stato ritirato dalla d.ssa Enrica Tonola, presidente della locale sezione A.N.P.I. – Associazione nazionale Partigiani d’Italia.

Il Dicastero della Difesa, al fine di dare massimo rilievo all’iniziativa, si è avvalso della collaborazione della Prefettura per la consegna della medaglia commemorativa e del relativo attestato. Erano presenti le principali Autorità provinciali, i Sindaci dei Comuni di residenza degli insigniti, nonché i rappresentanti delle articolazioni periferiche delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane.

L’iniziativa, nata lo scorso anno in per il 70° anniversario della Guerra di Liberazione e della Resistenza, è stata finalizzata a riconoscere l’impegno e il sacrificio di quanti si batterono per affermare i principi di libertà e indipendenza sui quali si fonda la Repubblica e la Costituzione e al contempo diffondere, tra le nuove generazioni, l’importanza di quel che è stato il passato, dei sacrifici che sono stati fatti per dare un nuovo futuro al Paese. La medaglia riproduce un dettaglio della monumentale cancellata in bronzo del Mausoleo delle Fosse Ardeatine. Un lavoro di spiccato espressionismo.

“Oggi, tutti insieme, con un segno simbolico – ha detto ancora il dr. Santonastaso – esprimiamo un sentito grazie a chi ha contribuito a dare una direzione precisa al futuro della nostra Patria, combattendo per la libertà ed insegnando alle generazioni future il percorso da intraprendere. Tra questi non poteva non esserci la partigiana Adriana Colla”.

L’insignita è presidente onoraria dell’ANPI di Borghetto Santo Spirito e nei mesi scorsi, al fine di trasmettere i valori della Resistenza, aveva voluto donare, al Comune, il Monumento alla resistenza (opera dell’artista scultore Simone Finotti) che è stato inaugurato l’8 settembre u.s. nella centrale piazza libertà.

La Sig.ra Colla, originaria della Val di Susa, ha oltre 90 anni ma risiede a Borghetto S.S. da più di tre decadi. Tutti la conoscono semplicemente come “Vittoria” – la partigiana Vittoria”, che era ed è per sempre il suo nome di battaglia assunto nel 1943 quando è diventata partigiana ed era entrata a far parte delle brigate garibaldine della Val di Susa, ed esattamente nella 42^ brigata Garibaldi. Nonostante l’età i ricordi di quei giorni sono ancora vividi soprattutto per quanto riguarda gli anni del Ventennio e poi quelli della Resistenza. “Vittoria” è una delle poche superstiti di una generazione che ha contribuito in modo fondamentale a gettare le basi della società che oggi tutti conosciamo.