La coltivazione della lavanda opportunità di recupero dei terreni incolti

Testico. La coltivazione della lavanda come opportunità di sviluppo economico e recupero dei terreni incolti. È la proposta progettuale promossa dal Comune di Testico che è stata presentata nel primo di una serie di appuntamenti organizzati per informare e sensibilizzare la popolazione sugli sviluppi del percorso svolto, in merito alla strategia di sviluppo locale del GAL facente parte del PSR 2014-2020.

Scopo dell’incontro era fornire agli operatori del settore produttivo, commerciale, culturale e ai privati le informazioni preliminari utili a valutare il proprio coinvolgimento e partecipazione ai progetti candidabili ai bandi che verranno emessi dalla Regione Liguria nei prossimi mesi.

Dopo l’introduzione di Pietro Revetria, membro del direttivo Gal che ha fatto una interessante sintesi del percorso GAL, sono intervenuti il ricercatore e agricoltore Franco Stalla e Cesare Bollani, coordinatore dell’Associazione “La Lavanda della Riviera dei fiori ” che hanno parlato degli aspetti tecnico-economici di questo tipo di coltivazione il primo, e di aspetti gastronomici e marketing il secondo.

“Abbiamo trattano nello specifico la proposta progettuale promossa dal Comune di Testico – spiega il sindaco Lucia Moscato – Riguarda la coltivazione della lavanda come opportunità di sviluppo economico locale anche attraverso il recupero dei terreni incolti. L’occasione è stata utile anche per far emergere e raccogliere le domande di carattere generale e particolare che troveranno risposte più complete nei prossimi incontri grazie all’avanzamento burocratico dei lavori sul Gal”.

L’incontro si è concluso con una degustazione di prodotti preparati con l’utilizzo della lavanda: biscotti e caramelle in particolare ai quali è stata affiancata la mela Carla di Testico essiccata. A questi prodotti si aggiunge la marmellata di mela Carla aromatizzata ai fiori di lavanda le cui prime sperimentazioni si sono svolte presso l’agriturismo “Il nido delle Rondini” di Testico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*