Savona, l’assessore Marozzi incontra le associazioni femminili

Savona, con le associazioni femminili “Un incontro per porre le basi per lo sviluppo di una proficua collaborazione” |

“Siamo molto soddisfatti della grande partecipazione e del ricco contributo di idee emersi nel corso del pomeriggio, c’è molta voglia di lavorare insieme e di dare vita a iniziative condivise”. Così Barbara Marozzi, Assessore con delega alle Pari Opportunità del Comune di Savona, commenta l’esito dell’incontro con le associazioni del territorio che si rivolgono anche all’universo femminile, svoltosi nel pomeriggio di lunedì 21 novembre nella sala al primo piano della struttura comunale in via Quarda inferiore.

All’invito dell’Assessore Marozzi hanno risposto numerose realtà, con oltre trenta rappresentanti di associazioni presenti alla riunione: “È stato un primo incontro conoscitivo, per presentarsi e per fare il punto sulle diverse attività in programma per la settimana che ospita la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, prestando ascolto alle proposte pervenute. Sono inoltre state illustrate le attività messe a calendario dall’Amministrazione Comunale su iniziativa del Sindaco Caprioglio”.

In oltre un’ora e mezza di incontro, lo sguardo è stato rivolto anche al futuro. Spiega ancora l’Assessore Barbara Marozzi: “Abbiamo raccolto molte idee e posto le basi per una proficua collaborazione tra ente comunale, per mezzo dell’Assessorato alle Pari Opportunità, e le tante associazioni del territorio che operano a stretto contatto con il mondo femminile e che si impegnano per prevenire e contrastare i fenomeni di violenza. Si tratta di realtà che rappresentano una risorsa importantissima per la Città di Savona, da valorizzare e sostenere”.

“Il nostro intento è creare una vera e propria ‘rete’ di queste associazioni, così che possano interagire tra loro, incontrarsi regolarmente e coordinare le varie attività, per fornire servizi utili alle ragazze e alle donne di tutte le età, un sostegno a chi è vittima di abusi, maltrattamenti e violenze – anche psicologica – e fare opera di sensibilizzazione nella cittadinanza, per lavorare tutti insieme al fine di combattere, con ogni mezzo a disposizione, il fenomeno della violenza di genere”.