Savona: due appuntamenti sul tema dell’azzardopatia

Savona: due appuntamenti sul tema dell’azzardopatia. I gruppi di auto-aiuto ed auto-mutuo-aiuto sono sempre più radicati sul territorio savonese e continuano a lavorare e ad accogliere persone, nella “Casa dell’Auto Mutuo Aiuto”.

Giovedì 1° dicembre dalle 18.30 al 20.30 proprio nella “Casa dell’Auto Mutuo Aiuto” di via Crispi 22 (ex I circoscrizione) a Savona i membri del gruppo “Giocatori Anonimi” racconteranno la loro esperienza lunga quasi quattro anni, di recupero dall’azzardopatia.

Gli ultimi dati ministeriali sull’azzardopatia ci indicano che in Italia ad esempio ci sono 418.000 slot, circa 3 per ogni attività commerciale in pratica 1 ogni 143 abitanti. Il giocatore passa attraverso varie fasi: giocatore sociale (gioca sporadicamente ma controlla il gioco) il 54% della popolazione italiana, a problematico (inizia a non avere totalmente il controllo) circa 2 milioni di cittadini, infine patologico, circa 700.000 vittime della patologia con la vita che viene gravemente segnata da questi comportamenti.

Nel 2015 il volume di gioco d’azzardo in Italia è di 88 miliardi (4% del PIL) di cui 46 miliardi per Slot e VideoLottery, 26 per lotto, lotterie nazionali e istantanee 16 miliardi per l’online.

Savona è una delle province più a rischio in Italia con circa 1500 euro di spesa pro capite (neonati compresi) rivolta ai giochi d’azzardo. Nel capoluogo sono installate più di 600 tra slot machine e videolottery in 150 esercizi commerciali. Il Sert dell’ASL 2 nelle tre sedi di Savona, Finale e Albenga segue in maniera continuativa una sessantina di azzardopatici.

“Azzardopatia” e non “ludopatia” – «Il gioco è antico come la psiche, da sempre si gioca e usare il termine “ludopatia” – abusato dai mass-media per indicare il gioco d’azzardo patologico – è un errore semantico. Il problema qui non è il “lupus” (il gioco) ma è l’azzardo: avere qualcosa da scommettere, denaro in primis. Per cui è meglio chiamarla Azzardopatia. Il termine “ludopatia”, declinazione emotivamente più accettabile, può indicare il giovane che gioca ai videogames in maniera smodata oppure l’adulto che gioca a burraco o scala 40 per 10 ore o chi, senza differenza d’età, su Facebook gioca a Candy Crush e si dimentica gli appuntamenti reali (fare la spesa, un appuntamento con un amico ecc.). Nel mondo anglosassone il concetto di giocatore è espresso in vari modi si usa “player” per indicare quello che gioca normalmente, “gamer” quello che si diletta con i giochi da tavolo e “gambler” il giocatore d’azzardo, il forte scommettitore».

Sul tema il SERT dell’ASL 2 Savonese martedì 6 dicembre presso la Sala della Sibilla, presso Fortezza Priamar di Savona presenta l’evento formativo sul gioco d’azzardo patologico “Dalle slot non nasce niente: la gabbia dell’azzardopatia” che affronterà la fenomenologia da più punti di vista (clinico, sociale, musicale, letterario e artistico).

Programma della giornata: 8.00 – 8.45 Accoglienza partecipanti; 8.45 – 9.00 Introduzione e riflessioni sul tema della giornata; 9.00 – 9.15 …e chiamiamola azzardopatia!; 9.15 – 9.30 E quindi uscimmo a riveder le stelle; 09.30-09.50 No slot, gli esercizi commerciali di Savona; 09.50-10.10 Slotbusters: qui non si gioca con la vita; 10.10-10.20 Sette note in gioco parte prim; 10.20-11.00 Tutti i numeri del G.A.P.; 11.00-11.15 Pausa; 11.15-11.20 Il cinema in gioco parte prima; 11.20 – 12.10 L’azzardo batte là dove l’anima duole: parole e concetti dell’azzardopatia; 12.10 – 12.20 Sette note in gioco parte seconda; 12.20 – 12.50 L’arte in gioco….il gioco nell’arte; 12.50 – 13.00 Discussione sui temi trattati; 13.00 – 14.00 Pausa; 14.00 – 14.15 Il cinema in gioco parte seconda; 14.15 – 14.40 Aspettando Jackpot: musica live parte prima; 14.40 – 15.15 I Giocatori anonimi: esperienze di vita; 15.15 – 15.30 Gam-Anon: esperienze di vita; 15.30 – 16.00 Aspettando Jackpot: musica live parte seconda; 16.00 – 16.45 La posta in palio: l’azzardopatia tra letteratura e psicologia; 16.45 – 17.00 Discussione sui temi trattati; 17.00 – 17.15 Per chi desidera i crediti: Valutazione dell’apprendimento e gradimento. Iscrizioni presso l’Ufficio Formazione ASL 2 (Daniela Sambarino), mail: d.sambarino@asl2.liguria.it tel. 019.8405471. Responsabile Scientifico: Mauro Selis (mail: m.selis@asl2.liguria.it)