Lampare ferme, niente acciughe liguri fino a febbraio

Come avviene tutti gli anni, in questo periodo la flotta peschereccia delle lampare liguri, che illuminano il mare durante le notti estive, pescando le acciughe del mar Ligure, si è fermata. Questo periodo di sospensione dell’attività di pesca, del tutto volontario e non retribuito o sovvenzionato dallo Stato, avviene nei mesi invernali, da novembre a circa la metà di febbraio dell’anno seguente.

Questo fermo volontario scaturisce dal rispetto delle tradizioni locali e dalla presa di coscienza che l’attività di pesca debba passare da una buona gestione della risorsa evitando che avvenga la cattura accidentale delle piccole acciughe presenti nel nostro mare in questo periodo.

“Essere consumatori informati e rispettare i cicli della natura è un bene per la nostra salute e per la salute del territorio che ci ospita – afferma il presidente Coldiretti Gerolamo Calleri –, per questo come Coldiretti Impresa Pesca Liguria, stiamo promuovendo la data di cattura /pesca come informazione oggettiva da fornire al consumatore. Siamo fermamente conviti che il consumatore deve poter scegliere un prodotto fresco e di qualità”.

Per queste motivazione Coldiretti Impresa pesca invita tutti i consumatori a “richiedere la data di pesca nel momento dell’acquisto di una specie ittica e a preferire sempre un acquisto a miglio zero, nel rispetto della stagionalità del pescato e possibilmente direttamente dai pescatori. La qualità e la bontà del pesce sono imprescindibili dalla sua freschezza”.