Alassio, novità e riflessioni in chirurgia oncologica epatobiliopancreatica”

“How do it better?” è il titolo scelto dagli organizzatori della XIII edizione de “ Il Punto su: novità e riflessioni in chirurgia oncologica epatobiliopancreatica”, in programma l’11 e il 12 novembre presso l’Ex Chiesa Anglicana di Alassio.

Come fare meglio? è la domanda alla quale i relatori, grandi esperti del settore a livello nazionale ed internazionale, sono chiamati a rispondere dopo aver analizzato i risultati del nuovo che avanza sia sul versante della patologia pancreatica che di quella metastatica epatica.

“In un periodo in cui l’approccio mininvasivo trova la sua massima espansione in tutti gli ambiti,- spiegano i responsabili scientifici del convegno Prof. Pellicci, Dr. Griseri e Dr. Percivale – riteniamo necessario il confronto tra la tecnica open e laparoscopica per quel che concerne la radicalità chirurgica e la possibilità di esecuzione di manovre complesse. “

“Trovare il giusto equilibrio tra il rispetto dei criteri di radicalità oncologica ed il minor disagio possibile per il paziente costituisce forse la sfida più importante di questo inizio del nuovo millennio. Se infatti i criteri di cosmesi e rapido ritorno alle usuali attività rappresenta la domanda più pressante nell’ambito della chirurgia non oncologica, la richiesta dei pazienti con patologia tumorale è essenzialmente rivolta all’outcome in termini di sicurezza dell’intervento e di sopravvivenza a lungo termine.”

Questa edizione del congresso ha quindi come obiettivo primario quello di coinvolgere l’uditorio in un dibattito tra trattamenti consolidati e nuovi, nell’intento di ottimizzare i risultati.