Edilizia scolastica, Melis (M5S): “puntare su investimenti”

«Il 59% degli edifici liguri sono considerati inagibili e inabitabili. Il 38% non è autorizzato a somministrare pasti; oltre il 36% delle strutture è ancora in amianto. Cifre che mettono a nudo la situazione drammatica dell’edilizia scolastica nella nostra regione» dice il consigliere M5S Andrea Melis che oggi presenterà un’interrogazione in Regione Liguria.

«Visto lo stato in cui versano molti degli oltre 800 edifici scolastici della nostra regione, la priorità verte sulla capitalizzazione dei pochi fondi disponibili per la ristrutturazione nelle tante, troppe, scuole che hanno carenze strutturali gravi – osserva Melis – Con quest’interrogazione abbiamo chiesto alla Giunta un serio e approfondito monitoraggio sull’edilizia scolastica ligure, sfruttando tutte le proprie competenze per mettere a norma gli edifici e intercettare nuovi fondi, in primis quelli europei».

Il consigliere pentastellato pone, in particolare, l’accento sul Piano triennale degli interventi di edilizia scolastica per il 2018-2020: «Si tratta di un fondo strutturale chiave – spiega Melis – Abbiamo chiesto all’assessore Scajola di garantire un accesso diretto a chi è rimasto fuori dall’erogazione dei fondi del piano precedente, senza ricominciare tutta la trafila. Al contempo deve essere mantenuto costante e aggiornato lo screening degli edifici scolastici per adottare interventi mirati e veloci».