Albenga, in viaggio nel Festival Internazionale di Fotografia (seconda parte)

di Alfredo Sgarlato – Seconda edizione per il Festival Internazionale di Fotografia organizzato dal Circolo San Giorgio insieme alla FIAP, intitolato “Il viaggio dello sguardo, della parola, dell’anima”. Il festival è disposto in molti spazi del centro storico e un pomeriggio non basta per vedere tutto con la necessaria attenzione; oggi vi racconto la seconda parte delle mie visite alle mostre.

Presso la sede dell’UCAI in Piazza dei Leoni espone uno tra i più noti fotografi ingauni: Mario Rossello. Titolo “Music: the horizon of words”, come avete intuito si tratta di ritratti di musicisti locali, nelle location più suggestive della nostra città. Bellissima la foto della bambina pianista. Una delle foto esposte è stata ideata insieme alla pittrice Barbara Furfari.

Presso il Wall Street Institute troviamo Riccardo Bandiera con “La sicurezza del silenzio” e “Anedonia” (l’incapacità di provare piacere ed emozioni, tipica di depressi e nevrotici), ritratti femminili di grande formato e a colori (noto che il colore è poco usato rispetto al bianco e nero, e quando lo è viene bandiera01molto trattato; scelte che apprezzo, poiché non amo l’eccessivo realismo), in cui l’autore indaga l’anima femminile in quest’epoca di passioni tristi. Una serie di foto molto belle. Un poco più avanti in Via Dalmazia, presso “La cornice” altri ritratti femminile, di Fatima Abbadi, Premio Zonta 2016, anche se le foto esposte sono un po’ poche per giudicare il talento è evidente.

A Palazzo Lengueglia Costa “Toscana poetica” di Andrea Rontini, paesaggi toscani che riprendono i foto lo stile dei grandi maestri della pittura. Anche qui colore trattato in tonalità morbide e autunnali, personalmente non il mio genere ma di sicuro i visitatori apprezzeranno. Il mio giro si chiude al Museo Sommariva Civiltà dell’ Olivo, dove troviamo “Destinos” di Giancarlo Torresani; stavolta il viaggio ci porta in Argentina, tra migranti, indios, e autobus affollatissimi.

Ma le mostre non finiscono qui e mi è stato impossibile vederle tutte: per il programma completo consultate il sito: http://www.albengaphotography.com/; inoltre l’evento è stato arricchito con workshops, seminari, proiezioni pubbliche, e ricordiamo all’inaugurazione il concerto degli Ilamar, tre ragazzi dalle voci molto belle. Una manifestazione degna del più grande interesse che dà lustro alla nostra città: dedicategli il vostro weekend.