Settimana Meteo in Liguria: alta pressione sugli scudi

Alta pressione ancora protagonista nella passata settimana in Liguria e sul resto del Nord Italia. Dall’analisi della situazione meteo secondo l’Arpal emerge, infatti, un dato interessante:  nei bassi strati dell’atmosfera la temperatura è stata, mediamente, di 2,5 gradi superiore alla media climatologica trentennale (che si calcola sul periodo 1981-2010).

Il tutto per la presenza, appunto,  di due massimi di pressione, uno sul Nord Italia e l’altro a ovest del Portogallo, alimentati da richiami di aria calda nordafricana diretta verso la Francia. E così, nella giornata di domenica 24 luglio, si sono nuovamente toccati massimi di temperatura importanti, soprattutto nello spezzino: 37 gradi a Castelnuovo Magra, 35.6 a Sarzana, 35.3 a Luni.

Picchi termici che hanno “anticipato” l’unica momento instabile della settimana, con i temporali pomeridiani che si sono avvicinati anche alla costa del centro e del levante della regione ,scaricando 37,8 millimetri sulla stazione di Cuccarello (Spezia) e 27,4 in quella di Mignanego (Genova).  Tornando alle temperature da segnalare che, mentre a Genova e Imperia si è “respirato”, soprattutto sul finire della settimana gli abitanti di Savona e La Spezia hanno sperimentato nuovamente le “notti tropicali”, ovvero quelle con temperature minime uguali o superiori a 20 gradi.

Per trovare, invece, il valore più basso della settimana bisogna salire fino ai 600 metri di Rovegno dove, il 18 luglio, la temperature minima della stazione di Loco Carchelli ha toccato 8.1 gradi.