Domani sera a Verezzi ‘Parenti serpenti’ con Lello Arena

Giu 2007, Roma: Lello Arena. © Gerald Bruneau / Grazia Neri

di Laura Sergi – Borgio Verezzi / Savona. Da domani sera, martedì 26 luglio, in piazzetta Sant’Agostino ci sarà il quarto appuntamento del calendario del 50° Festival teatrale: ‘Parenti serpenti’ di Carmine Amoroso, una prima nazionale che vedrà il ritorno di Lello Arena e di Fabrizio Vona, che la scorsa estate entusiasmarono il pubblico con il ‘Sogno di una notte di mezza estate’ in chiave napoletana (Arena era Oberon e Vona il folletto Puck).

Sotto la regia di Luciano Melchionna, al fianco di Arena ci sarà Giorgia Trasselli (volto noto delle fiction di successo, come ‘Distretto di polizia’ e ‘Don Matteo’, nonché ‘Tata’ di ‘Casa Vianello’): a loro, a Vona, nonché ad Andrea De Goyzueta, Marco Mario De Notaris, Carla Ferraro, Autilia Ranieri, Annarita Vitolo, il difficile compito di ripercorrere la trama del film di Mario Monicelli, mantenendo inalterato il contrasto fra le situazioni esilaranti e le bieche decisioni del ‘consiglio di famiglia’… Dice Melchionna: ‘Con questa commedia passeremo dalle risate a crepapelle per il tratteggio grottesco dei personaggi, al più turpe cambiamento di quegli esseri che – chi di noi non ne ha conosciuto almeno uno? – da umani si trasformeranno negli animali più pericolosi e subdoli: i serpenti’.

Vona interpreterà il ruolo più complesso di Alfredo, che ha nascosto a tutti d’essere omosessuale (sullo schermo fu di Alessandro Haber); de Goyzueta sarà ‘Alessandro’, De Notaris ‘il geometra Michele’; Ferraro ‘Gina’, Ranieri ‘Milena’ (nel film, Monica Scattini), Vitolo ‘Lina’ (sempre nel film, Marina Confalone).

È Natale, e tutta la famiglia si riunisce nella casa degli anziani genitori, come ogni anno. Però, questa volta, c’è una novità: gli anziani genitori non se la sentono più di rimanere in casa da soli e, in cambio dell’appartamento e di mezza pensione, chiedono ai figli di decidere chi li prenderà in casa con loro. La tragedia ha inizio, senza che i poveri vecchi se ne accorgano, perché nessuno è intenzionato a cambiare la propria vita! Un telegiornale fornisce loro il modo in cui farla finita: basta poco, basta proprio poco… Ma basta poco anche ad un ragazzino narrare con ingenuità in un temino di scuola come si siano svolti i fatti! Scene di Roberto Crea, costumi di Milla, musiche di Stag, movimenti coreografici di Stefano Bontempi, assistente alla regia Sara Esposito (dal 26 al 28 luglio, inizio sempre alle 21.30).

05 - Premio_Lupano-MattoliniIntanto, sabato 23, prima dell’unica serata di ‘Padiglione 40 – L’ordine imperfetto’, è stato consegnato il Premio Camera di Commercio Riviere di Liguria a ‘Figli di un dio minore’, spettacolo andato in scena la scorsa estate, che si è ‘distinto particolarmente, coniugando la qualità dell’allestimento e della recitazione al gradimento del pubblico’. A ricevere la targa dalle mani del presidente Luciano Pasquale, l’attore Giorgio Lupano (protagonista con Rita Mazza) e il regista Marco Mattolini.

Comunicati anche i nomi dei primi classificati al Concorso nazionale per la realizzazione di un Poster dedicato a Gilberto Govi, bandito dal Comune di Borgio: la vincitrice è Aurora Carini dell’Istituto tecnico economico Leonardo da Vinci di Milazzo; sul podio, Maria Sole Rizzo e Alessandro Falletti (2° e 3° classificato) dell’Istituto professionale per i Servizi commerciali di Finale Ligure. I loro lavori, con altri sette segnalati dalla giuria (composta da: Jurij Ferrini, Stefano Delfino, Valentina Biletta e Simone Alfarone), sono ora visibili in via Roma, il carruggio che si percorre per giungere in Piazzetta.

*Nella fotogallery alcuni scatti della premiazione e degli spettacoli “Figli di un dio minore” e  “Padiglione 40” (Foto © Nicolò Beardo – Studio Azais)