“Cronaca di Savona e Circondario 1919-1929”: presentazione del libro di Gallea e Rebagliati

Savona. La Sala Magnano di Palazzo Lamba Doria, sede della Camera di Commercio Riviere di Liguria, ospiterà venerdì 22 luglio, alle ore 10,15, la presentazione del libro “Cronaca di Savona e Circondario 1919-1929” di Francesco Gallea e Franco Rebagliati. Sono previsti interventi del presidente della Camera di Commercio Luciano Pasquale e dei presidenti della Società Savonese di Storia Patria, Carmelo Prestipino, e del Dopolavoro Ferroviario di Savona, Luciano Minelli. Il volume, che segue la pubblicazione di “Cronache di Savona e Circondario nella Grande Guerra 1914-1918”, sarà illustrato da Franco Rebagliati e da Giovanni Gallotti.

Edito a cura del Circolo Culturale P. Paleocapa del DLF di Savona, il libro – 168 pagine di testo, formato 21 x 29, 170 immagini  – è suddiviso in 11 capitoli che trattano in maniera agile e cronachistico  le vicende piccole e grandi del Circondario savonese (allora non ancora elevato al rango di Provincia) nei difficili anni del primo dopoguerra, con il rientro dei soldati dal fronte e le tensioni dovute alla crisi industriale e alla parziale riconversione, in un territorio ricchissimo di aziende e attività produttive sviluppatesi nel periodo bellico. Con il passare degli anni e l’avvento del regime fascista, muta l’ordinamento istituzionale, con l’elevazione di Savona a Provincia. In parallelo si assiste ad una sistematica trasformazione dell’antico centro urbano, con nuovi edifici e una progettualità molto spunta ma non portata a termine, sia nel settore dei trasporti sia in quello strettamente urbanistico. Proposte ardite e alcune anche stravaganti, quali come tranvia elettrica Savona-Noli e Savona-Sassello, la direttissima ferroviaria Savona – Sassello – Torino, l’aeroporto di Legino, i collegamenti aerei e marittimi locali con Genova, non passeranno mai allo stadio esecutivo.

L’arredo cittadino nella seconda metà degli anni Venti vede l’inaugurazione del Monumento ai Caduti di piazza Mameli, alla presenza di Vittorio Emanuele III, e della statua equestre di Giuseppe Garibaldi opera del senatore Bistolfi al Prolungamento a mare. Sono anche gli anni dell’apertura lungo la Vecchia Darsena, della nuova sede della Camera di Commercio (il Palazzo della Marinetta), di cui ricorre quest’anno il 90°, e del nuovo pontile di accosto delle Funivie.  Non mancano nel quadro generale vicende di piccola quotidianità, sfilate, raduni, gare sportive, convegni di pubbliche assistenze, inaugurazioni, benedizioni di vessilli di società sportive che permettono di entrare nella vita quotidiana della popolazione, e le visite di personaggi noti, da Don Sturzo a Gramsci, ministri, sottosegretari, politici di diverse appartenenze, attori, da Govi a Petrolini, cantanti, di bande musicali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*