Adempimenti sulle locazioni turistiche: convegno al Campus di Savona

Savona. Oggi, lunedì 4 luglio, presso il Polo universitario di Savona la Fiaip provincia di Savona ha organizzato in collaborazione con la Questura di Savona un convegno dal titolo “Normative e adempimenti sulle locazioni turistiche”.

L’evento formativo totalmente gratuito si terrà a partire dalle ore 10 presso l’Aula B1 in Via Magliotto ed è destinato non solo agli associati Fiaip ma più in generale, a tutti gli agenti immobiliari liguri.

Ad aprire i lavori, Massimiliano Bazzano, presidente di Fiaip provincia di Savona; interverrà quindi il Sostituto Commissario Sergio Felici e il Sostituto Commissario Enrico Lapi della Questura di Savona. Parteciperà inoltre Adriano Profumo Presidente Provinciale FIAIP di Genova.

“In ordine alle comunicazioni obbligatorie che le agenzie che si occupano di locazioni di immobili destinati alle vacanze devono far pervenire alla Questura. La normativa, infatti, impone a tutti coloro che esercitano attività alberghiere o altra attività ricettiva, di comunicare alle questure territorialmente competenti le generalità delle persone alloggiate. Lo scopo della norma è quello di agevolare gli organi di polizia nell’attività di controllo delle persone pericolose e quindi di agevolare la prevenzione. Dal 2013, tale obbligo si assolve esclusivamente per via informatica, inviando i dati alla Questura, tramite un portale web dedicato.“

Prosegue il lavoro della Fiaip provincia di Savona “per dare supporto agli agenti immobiliari liguri fornendo loro momenti di formazione e confronto con il supporto delle istituzioni. Per noi professionisti che lavoriamo in Riviera il tema delle locazioni turistiche è decisamente attuale. La clientela ormai richiede oggi sempre più l’intervento di intermediari specializzati per la ricerca della soluzione ideale per le vacanze e con le nuove normative bisogna essere aggiornati per poter svolgere al meglio il nostro lavoro, poter offrire tutti i servizi in maniera ancora più efficiente e non ultimo, non incorrere in sanzioni” riferisce Bazzano.