Liguria, in Consiglio regionale Minuto di silenzio per ricordare l’europarlamentare Gianluca Bonanno

Regione Liguria. Questa mattina subito dopo avere aperto la seduta, Gianluca Bonannoil presidente del Consiglio regionale Francesco Bruzzone ha ricordato Gianluca Bonanno (1966-2016), l’europarlamentare scomparso la settimana scorsa in un tragico incidente stradale.

Spesso negli ultimi anni immerso nelle polemiche politiche per le sue posizioni estremiste da “fondamentalista eterosessuale”, ai limiti dell’omofobia, espresse contro i diritti civili degli omosessuali che avversava, Bonanno dopo la militanza nell’Msi e in An e l’impegno – a partire dalla fine degli anni ’80 – a livello amministrativo nel vercellese, è approdato alla Lega Nord di cui è stato deputato nel 2008-2014 fino poi ad approdare al parlamento europeo.

«Io lo conoscevo personalmente – ha esordito oggi Bruzzone, anch’egli leghista – e posso, quindi, dire che era una persona leale, generosa, onesta, intransigente e molto impegnata nel suo territorio». Il presidente ha sottolineato l’impegno di Bonanno nel difendere gli interessi e le tradizioni italiane rispetto alle nuove spinte dell’economia mondiale: «Anche nel suo ultimo incarico a Bruxelles ha continuato a battersi per difendere gli interessi del suo paese, per salvaguardare le nostre tradizioni, per tutelare le produzioni italiane da una globalizzazione sempre più invasiva e dagli effetti devastanti per la nostra economia».

Bruzzone ne ha ricordato la “concretezza”: «In qualche momento era anche ruvido nei modi e nei toni – ha detto – ma ha sempre saputo mantenere con il suo territorio e la sua vallata legami molto forti». Il presidente ha quindi invitato i colleghi consiglieri a osservare un minuto di silenzio.

La seduta è stata poi sospesa per permettere ai capigruppo e ai consiglieri di incontrare una delegazione di lavoratori edili e del Gaslini