Francesco Biamonti: ancora un inedito a 15 anni dalla scomparsa

Biamonti Ceriale

Ceriale. Sabato 16, alle ore 16, l’Associazione Amici di Peagna, in collaborazione con il comune di Ceriale, ha organizzato un pomeriggio di studi su Francesco Biamonti, il grande scrittore di San Biagio della Cima (IM), autentico interprete di una Liguria inquieta ed affascinante, ormai scomparso da 15 anni.

Il presidente degli Amici di Peagna, Stefano Roascio, afferma: “Anche dopo molti anni dalla sua scomparsa, Francesco Biamonti ci regala ancora una sorpresa: si tratta di un romanzo inedito, “Il romanzo di Gregorio” (pubblicato da Il Canneto), che costituisce un poco l’antefatto o, meglio, la prima stesura de “L’angelo di Avrigue”, il primo capolavoro riconosciuto del narratore ponentino. Si tratta di un vecchio scritto, mai apparso, in cui l’autore, sempre immerso nel suo contrastato e a tratti poetico paesaggio ligure, ha un linguaggio più narrativo e pacato, che poi abbandonerà nei successivi romanzi a favore di un tono lirico ed una dimensione quasi onirica. Questa giornata, oltre che un omaggio a Biamonti, costituisce il tentativo di mantenere vivo e fecondo il ricordo di un autore potentemente immerso nel paesaggio e nello spirito della Liguria”.

Aggiunge a questo proposito Mauro Bico, italianista degli Amici di Peagna: “Continuare a parlare di Francesco Biamonti, oggi, pare acquistare ancora più peso, perchè i temi presenti nei suoi romanzi, in questi ultimi anni si sono imposti con un’evidenza quasi profetica. I rapporti precari tra gli esseri umani, la storia che frana verso un abisso che nemmeno il valore salvifico del paesaggio può riscattare, i passaggi notturni dei migranti sul confine italo-francese mostrano bene quanto la voce disperata e speranzosa di Francesco fosse, da sempre, così vicina alla verità. Il nostro compito, pertanto, non è solo quello di preservarla, ma soprattutto quello di comunicare alle generazioni più giovani le sue parole, così ricche di senso e di futuro”.

Il pomeriggio, a partire dalle ore 16, dopo i saluti istituzionali e quelli dei presidenti delle associazioni degli Amici di Peagna e degli Amici di Biamonti, continuerà con un intervento di Simona Morando dell’Università di Genova, curatrice del romanzo inedito, che ci spiegherà la genesi del romanzo e i suoi rapporti con i lavori successivi. Matteo Grassano, dell’Università di Nizza, parlerà del fruttuoso rapporto di Biamonti con il paesaggio, anche quello della Provenza, mentre Mauro Bico offrirà un approfondimento sui nomi dei personaggi nei romanzi di Biamonti.