Teatro: Saverio La Ruina torna ad Albenga con Polvere

2015-05-30 Polvere foto Angelo Maggio

Albenga. L’ultimo spettacolo in abbonamento della Kronostagione Albenga 2015-16 è “Polvere, dialogo tra uomo e donna” di Saverio La Ruina, con Saverio La Ruina e Cecilia Foti che saranno in scena sul palco del teatro ambra venerdì 18 marzo alle ore 21.

«Le botte, gli stupri sono la parte più fisica del fenomeno; l’uccisione della donna la parte conclusiva. Ma c’è un prima, immateriale, impalpabile, polvere evanescente che si solleva piano intorno alla donna, la circonda, la avvolge, ne mina le certezze, ne annienta la forza, il coraggio, spegne il sorriso e la capacità di sognare. Una polvere opaca che confonde, fatta di parole che umiliano e feriscono, di piccoli sgarbi, di riconoscimenti mancati, di affetto sbrigativo, talvolta brusco».

Il lavoro parte dalla testimonianza di una operatrice. La scena è un rettangolo, un ring. Due sedie, un tavolo, una bottiglia d’acqua. Un dipinto, un abitino, due ciabatte: la quotidianità più banale e inquietante

Un uomo tormenta una donna a colpi di dialogo. La mette alle corde interrogandola allo sfinimento. Calcola ripicche e vittimismo. Tocca i tasti dell’accusa e della condanna. Indaga presente e passato, intenzioni e ricordi. Pretende di sviscerare pensieri e dubbi. Attraverso un fiume di parole e alcuni artifici argomentativi, attraverso il confronto con altre donne o il tambureggiare delle dita sul tavolo, la accusa d’inaffidabilità e incoerenza.

La voce di lei è calma, sincera, addolorata: disorientata e impotente. La voce di lui, è fredda, insinuante: artefatta e incapace d’empatia. Ogni frase è ricatto, staffilata che umilia la donna logorandone identità e tenuta. Ogni parola colpisce allo stomaco…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*