Il Gruppo di Azione Locale (GAL) “Valli Savonesi” inizia le sue attività

Depuratore ingauno panoramica costa1 xG00

In un periodo di crisi intensa e prolungata come questo, prende il via una iniziativa, cofinanziata dalla Regione Liguria sui fondi della Misura 19 del Piano di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020, messa in campo da un ampio e qualificato partenariato rappresentativo delle principali forze economiche e amministrative del savonese.

L’iniziativa è gestita dal Gruppo di Azione Locale (GAL) denominato “Valli Savonesi” ed è chiamato a definire una strategia di sviluppo attraverso un approccio partecipativo, con l’obiettivo di realizzare uno sviluppo territoriale equilibrato delle economie e comunità rurali, compresi la creazione e il mantenimento dei posti di lavoro.

In linea con l’approccio LEADER (Liaison entre actions de développement de l’économie rurale – Collegamento tra azioni volte allo sviluppo delle economie rurali) la Mission del GAL “Valli Savonesi” si concentra su quattro azioni fondamentali: 1) Ridurre lo scivolamento a valle delle attività economiche e lo spaesamento culturale e sociale; 2) Creare opportunità e nuovi posti di lavoro; 3) Favorire la fruizione sostenibile e consapevole del territorio; 4) Contribuire allo sviluppo infrastrutturale e organizzativo locale.

Per poter progettare una Strategia di Sviluppo Locale (SSL) ragionata, condivisa e accettata, il GAL “Valli Savonesi” ha definito un approccio creativo dal basso (bottom up) alfine di stimolare la partecipazione delle comunità locali, coinvolgendo i partecipanti in living labs specifici. Questo approccio servirà anche per individuare i progetti (su scala locale, integrati, pilota e di cooperazione) che meglio interpreteranno esigenze delle imprese e delle comunità locali, nel rispetto delle diverse necessità, ma all’interno di una strategia comune di sviluppo del territorio.

Il Gruppo di Azione Locale – G.A.L. “Valli Savonesi” è costituito da un partenariato pubblico-privato composto da 40 Comuni della Provincia di Savona coordinati da ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), i tre parchi del savonese, le Associazioni di Categoria Agricole (Coldiretti, CIA e Confagricoltura), le associazioni dell’artigianato (Confartigianato e CNA), LegaCoop, IPS (Insediamenti Produttivi Savonesi ScpA), il Consorzio BIM Bormida ed altri importanti realtà imprenditoriali e amministrative del territorio.

Il capofila è la Camera di Commercio di Savona, attraverso la propria azienda Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola (CeRSAA). Il G.A.L. “Valli Savonesi” non ha fini di lucro, ma la valorizzazione delle risorse specifiche delle zone rurali nell’ambito di un’azione integrata e multisettoriale imperniata sulla elaborazione e l’implementazione di una strategia territoriale pertinente e adeguata al contesto locale.