“Piano casa”, Viviandora: lettera aperta al sindaco Demichelis

Andora. Dal Presidente di Viviandora, Cinzia Pelassa, una lettera aperta rivolta al sindaco Mauro Demichelis per chiedere chiarimenti sull’applicazione del cosiddetto “Piano casa” regionale, la legge recentemente impugnata in sede nazionale dal Governo.

«Egregio Signor Sindaco,
Cinzia Pelassa    Il giorno 7 marzo andrà a scadere il termine concesso dall’art. 12 della L.R. 22/2015 (piano casa) che consente ai Comuni entro il termine perentorio di sessanta giorni decorrenti dalla data di entrata in vigore della suddeta legge di:
–        Individuare le parti del proprio territorio nelle quali non trovano applicazione le disposizioni di cui all’art. 3 e 3 bis;
–        Stabilire la superficie minima delle unità immobiliari derivanti dal frazionamento degli edifici oggetto di ampliamento o di mutamento di destinazione d’uso di cui gli articoli 3 e 3 bis;
–        Individuare le aree del proprio territorio nelle quali non è consentito il frazionamento degli edifici oggetto di ampliamento e di mutamento di destinazione d’uso di cui agli articoli 3 e 3bis.

Molti Comuni, da ultimo Finale Ligure, hanno provveduto in tal senso.

Come a Lei ben noto, anche il Comune di Andora possiede all’interno del proprio territorio molte zone “delicate” che necessitano di tutela paesaggistico-ambientale.

In ragione di quanto sopra ed anche alla luce della recente impugnazione da parte del Governo della Legge Regionale 22/2015 perché «alcune disposizioni, consentendo interventi edilizi in aree tutelate senza prevedere il necessario rispetto delle procedure previste dalla legge statale e dall’ordinamento comunitario, violano la competenza legislativa esclusiva statale in materia di tutela dell’ambiente e di tutela del paesaggio di cui all’articolo 117 (primo e secondo comma, lettera S) della Costituzione», a nome di Viviandora sono a chiederLe in quali termini la amministrazione da Lei presieduta intenda applicare sul territorio comunale la legge Regionale 22/2015 (Piano Casa).

Distinti saluti

Il Presidente di Viviandora
Cinzia Pelassa»