Albenga: l’assessore Andreis si dimette dalla giunta Cangiano

Alessandro Andreis Studio Rossello 2

Albenga. Si dimette e lascia il proprio incarico nella giunta del sindaco Cangiano l’assessore all’Agricoltura e alle attività produttive Alessandro Andreis. Era questa una delle ipotesi avanzate già la scorsa settimana, a causa della messa in fallimento della sua azienda floricola, l’Aeffe Srl, che probabilmente sarà nei prossimi mesi riassestata per rinascere con altro nome dopo il risanamento e i pagamenti insoluti dei creditori.

Sulla decisione presa in queste ultime ore interviene il Gruppo consigliare del PD e il circolo ingauno del partito, del quale Alessandro Andreis è stato fino a qualche tempo fa anche il segretario: «Come segreteria e gruppo del Partito Democratico non possiamo che sottolineare, in un momento così delicato dal punto di vista personale, la correttezza e la trasparenza di Alessandro, qualità che da sempre lo contraddistinguono. Non era una decisione facile, e crediamo che in pochi l’avrebbero presa. Ancora una volta ha dimostrato che il bene degli altri viene prima del proprio», sottolineano i militanti del Pd.

«Questa decisione dimostra come il nostro modo di fare politica sia nettamente diverso da quello di chi, con situazioni più gravi e che toccano il profilo penale, decide di andare avanti comunque perché ha bisogno della propria poltrona. Il garantismo non c’entra nulla, qui si parla esclusivamente di opportunità. Alessandro ha dimostrato di conoscere il valore della virtù politica, e non possiamo che ringraziarlo per quanto fatto non solo da assessore, ma anche e soprattutto da segretario del Partito Democratico, contribuendo in modo significativo alla conquista delle elezioni comunali del 2014. Attendiamo quindi di confrontarci con il Sindaco per trovare la soluzione più adeguata, in continuità con il lavoro iniziato da Andreis», conclude la nota del Pd.

GOS del nucleo della Spezia fa brillare bomba

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*