Confini marittimi, tutela pescatori liguri e sardi: Camera approva OdG che impegna il governo

In merito alla vicenda riguardante i nuovi confini marittimi tra Italia Stefano Quaranta 01e Francia, è stato approvato questa mattina alla Camera un ODG che impegna il governo a “valutare eventuali conseguenze dell’applicazione del trattato sull’attività economica degli operatori della pesca liguri e sardi e ad operare presso le sedi internazionali affinché – nelle more della effettiva ratifica del trattato – le autorità francesi non procedano oltre nelle attività di fermo e respingimento delle imbarcazioni italiane”.

Il provvedimento, firmato dai deputati di Sinistra Italiana Stefano Quaranta e Michele Piras, intende garantire che quanto accaduto al peschereccio “Mina”, sequestrato nel porto di Nizza ad opera della polizia francese, non possa ripetersi. “Il trattato applicato dai francesi è stato firmato a marzo a Caen, ma ancora non è stato ratificato dal parlamento italiano e da quello europeo – spiega Quaranta – in attesa che questi passaggi avvengano bisogna tutelare i pescatori liguri e sardi impedendo prima di tutto che altri episodi di questo tipo avvengano”.

“Ormai questo governo ha toccato il fondo – commenta ancora Quaranta – mi sembra infatti inopportuno, per non dire incredibile, che un Ministro (Gentiloni), firmi un trattato internazionale che va a modificare i confini tra Italia e Francia, tra l’altro a nostro discapito visto che si tratta di uno dei mari più pescosi e battuti dai pescherecci, senza che il parlamento o le organizzazioni dei pescatori vengano messe al corrente”.