Spese pazze in Regione Liguria: Codacons si costituisce parte civile 

Martelletto da giudice 01

Il Codacons si costituirà parte civile nel processo per le spese pazze sostenute in Liguria con i fondi dei gruppi regionali, che vede coinvolti Edoardo Rixi, attuale assessore regionale allo Sviluppo economico, e altri 22 tra ex e attuali consiglieri regionali liguri rinviati a giudizio.

«Se saranno accertati gli illeciti contestati dalla magistratura, si determinerà un danno per la collettività – spiega il Codacons – I soldi provenienti dalle tasse pagate dai cittadini, e che servono per finanziare la politica locale, sarebbero stati infatti utilizzati in modo distorto, in totale spregio delle norme vigenti e per pagare lussi dei consiglieri come pranzi a base di ostriche e viaggi in Costa Azzurra. La nostra costituzione di parte civile mira proprio ad ottenere un risarcimento in favore della collettività danneggiata da utilizzi impropri dei soldi pubblici».

Ma il Codacons lancia oggi una azione risarcitoria anche in favore dei cittadini liguri: tutti gli utenti residenti in Liguria potranno costituirsi parte civile nel processo e chiedere il risarcimento dei danni subiti fino a 5000 euro a cittadino, considerato che i propri soldi sarebbero stati utilizzati non per il funzionamento del consiglio regionale, ma per finanziare vizi e stravizi dei consiglieri.

Sul sito www.codacons.it tutte le info per aderire all’azione collettiva.

1 Comment

  1. Stando così le cose, prima ancora del processo questi ” signori ” dovrebbero essere cacciati a calci in culo ben dati, poi mandati a raccogliere rumenta visto che ne abbiamo molta per le strade.
    Va da sè che devono restituire, con tanto di interessi, ciò che hanno preso.

I commenti sono bloccati.