Un attore e musica klezmer per la Giornata della Memoria a Noli

Domenica 24 gennaio, alle ore 17, al Teatro Defferrari di Noli, andrà Trio_Klezmerin scena uno spettacolo di musica e parole di straordinario valore.
L’attore Paolo Zavattaro e un trio di formidabili musicisti klezmer (Giorgio Dellarole alla fisarmonica, Massimiliano Limonetti ai clarinetti, Antonio Sacco al violino) presenteranno “Il Sabato è finito”. Lo spettacolo intende celebrare la Giornata della Memoria.

L’ingresso allo spettacolo è libero. Dopo lo spettacolo sarà offerto un aperitivo.

Il Trio Klezmer collabora stabilmente con l’attore Paolo Zavattaro e con la «Casa della luna azzurra» di Casale Monferrato negli spettacoli «Il Sabato è finito» (su testi di autori ebraici del Novecento europeo), «Café Europa – Cabaret di fine millennio» e «La tavola della memoria», che ha debuttato nel 1999 al Teatro del Casinò di San Remo in occasione della presentazione di un libro dello chef Gianfranco Vissani. Nel 2001 il Trio ha preso parte a Pinerolo al Festival internazionale «Vincoli sonori», di musica klezmer e zingara, organizzato dall’Associazione Sfera di Torino. Dal 2003 lo spettacolo «Il Sabato è finito» è inserito nelle proposte per le scuole circuitate in tutta Italia dalla Gioventù Musicale Italiana.

La stagione, promossa dalla Filarmonica “Amici dell’arte” di Noli e dall’associazione Allegro con Moto di Savona è sostenuta dal Comune di Noli e dalla Fondazione De Mari.

Il prossimo appuntamento sarà il 7 febbraio con “We got music. Dagli anni 30 in Italia alle songs americane di Gershwin” con Gianfranco Cerreto (tenore), Ivana Zincone (pianoforte) e Cesare Petrelli (batteria). I “Londoner trio” di Hayd si potranno ascoltare, in una prestigiosa esecuzione, il 21 febbraio. Il 6 marzo sarà la volta dello spettacolo teatrale e musicale “Il medico di Brassens”, il 20 marzo arriverà la Camerata Musicale Ligure. La stagione sarà chiusa il 3 aprile da Alessia Martegiani e con il trio di Maurizio Di Fulvio.

Vittoria Buratta: cosa cambia con il nuovo Censimento permanente della popolazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*