Recital di Giovanni Peli alla Casa dei Circoli di Ceriale

sentireascoltare-svolta-sintetica-per-iovanni-peli

di Alfredo Sgarlato – Giovanni Peli, bresciano, è un autore dalle molte capacità. Nasce poeta, comincia poi a collaborare con musicisti classici, soprattutto Mauro Montalbetti, come librettista d’opera. Quindi inizia a incidere materiale proprio, pubblicando, dopo vari demotape, l’EP “Eureka2” (2010), il CD “Tutto quello che si poteva cantare” (2012) e il più recente “Specie di spazi” (2014). I suoi lavori più recenti sono il reading teatrale “In ricordo di Pier Paolo Pasolini” e i libri per ragazzi “Scappa Gioachino” e “Spencer & Cornicia”. Il suo lavoro più recente, “Specie di spazi” è un disco riuscito, che riporta alle atmosfere della new wave anni ’80, ma senza la cappa esistenzialista che spesso appesantiva quel genere musicale. I ritmi sono elettronici, i testi molto raffinati. Il precedente “Tutto quello che si poteva cantare” è di impianto più classicamente cantautorale, ma non rinuncia ad arrangiamenti elaborati, con begli intrecci di chitarre.

giovanni-peliStasera alle ore 21 Giovanni si esibisce a Ceriale, alla Casa dei Circoli, delle Culture e dei Popoli (via Concordia 8), sia nelle vesti di musicista, in forma acustica, sia che di poeta, alternando poesie e canzoni. Ingresso a offerta libera, un’apericena precederà il concerto.

tutto-cio-che-si-poteva-cantare

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*