Borghetto Santo Spirito: sabato grande festa per la Bandiera Blu della Fee

Una grande festa per la Bandiera Blu della Fee che quest´anno 250x220.inddsventolerà sulle 21 spiagge del litorale di Borghetto Santo Spirito, ma anche un evento per “inaugurare” l’estate.

La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987 Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 48 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell’ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui la FEE ha sottoscritto un Protocollo di partnership globale. La Bandiera Blu, viene assegnata dopo lo scrupoloso esame di una grande quantità di dati relativi alle spiagge candidate, premia non solo l’alta qualità delle acque di balneazione, ma anche l’efficienza dei servizi offerti in spiaggia, come la pulizia e la sicurezza, ed in generale l’impegno ambientale dell’intera città, soprattutto in termini di raccolta differenziata dei rifiuti e di depurazione delle acque di scarico.

La lunga giornata di festeggiamenti, Sabato 27 giugno inizierà alle 10,30 con l’inaugurazione dell’approdo turistico “Poseidon” e l’apertura della nuova passeggiata, fra aree verdi, che congiungerà Borghetto Santo Spirito a Loano.

Dal tardo pomeriggio, il via alla lunga notte della “Festa Blu”,un evento realizzato in sinergia tra l’ufficio turismo e le Associazioni dei commercianti, caratterizzato da diversi importanti appuntamenti nelle principali vie cittadine, con momenti di intrattenimento, musica e percorsi enogastronomici, con i negozi che resteranno aperti fino a tarda ora; iniziative ed eventi promossi dalle Associazioni, ma anche ai singoli commercianti e dagli Stabilimenti balneari.

La serata proseguirà sul molo di Piazza Marinai d’Italia alle ore 22.00 con il concerto di Omar Pedini, “Omar Pedrini dai Timoria a Londra”.

Un viaggio nella storia del rock italiano narrato, chitarre alla mano da uno dei pionieri del genere. Omar interpreta se stesso, dalle radici dei Timoria, dei quali è stato leader e autore dei testi e delle musiche, a oggi, dopo il silenzio durato otto anni, interpretando l’ultimo fortunato album “Che ci vado a fare a Londra?” che vanta numerose collaborazioni internazionali.

Accompagnato dalla “sua” rock band per due ore di intensissimo e selvaggio rock d’autore. Una festa per tutti, all’insegna del “blu”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*