Visita al Santuario della Madonna delle Penne di Laigueglia e al Faro di Capo Mele

Doppio appuntamento a giugno con il Fai per scoprire e riscoprire le bellezze di Laigueglia. Si inizia venerdì 12 giugno con una visita al Santuario della Madonna delle Penne di Laigueglia e al Faro di Capo Mele e si prosegue venerdì 26 giugno con la presentazione del restauro del polittico di san Michele.

I contributi raccolti in occasione dei due eventi saranno interamente devoluti alla parrocchia di san Matteo per aiutare a sostenere i costi della pulitura del prospetto della Chiesa dell’Immacolata Concezione recentemente deturpato da graffiti. La collaborazione con la parrocchia di san Matteo è stata fortemente incentivata da Marinella Bruno, capo delegazione della sezione FAI di Albenga-Alassio: “il FAI si occupa di recuperare, restaurare e aprire al pubblico le testimonianze più importanti del nostro patrimonio storico e ambientale. Da qui l’idea di destinare i contributi raccolti in queste occasioni per sistemare la bruttura che rovina la facciata della chiesa dell’Immacolata: la pulitura avrà costi elevati, ecco perché abbiamo esteso la partecipazione non solo ai soci FAI ma a tutti gli interessati”. Anche il parroco don Danilo Galliani guarda positivamente alla collaborazione, e si è adoperato per la buona riuscita delle iniziative: “Siamo ben lieti del sostegno del Fai, si tratta inoltre di un’ottima occasione per far conoscere le nostre bellezze storico-artistiche”.

L’appuntamento per venerdì 12 giugno è alle ore 9 presso il parcheggio del cimitero di Laigueglia, la partenza avverrà alle 9.30 verso Capo Mele, il promontorio dell’intera costa ligure più vicino alla Corsica, distante 140km. Guida del Santuario, presso il quale è stato recentemente collocato un busto di San Giovanni Bosco a ricordo della sua presenza a Laigueglia, sarà il parroco di san Matteo, Don Danilo Galliani. La gita proseguirà con la visita al Faro di Capo Mele, attualmente presidiato e gestito dal Comando di Zona Fari della Marina Militare di La Spezia. Il faro risale al 1856, costruito dal Genio Civile, fino ai primi del 900 ha funzionato a petrolio, sostituito poi con l’acetilene fino all’elettrificazione nel 1949, in seguito ai lavori di riparazione dei danni subiti durante il secondo conflitto mondiale. Attualmente rientra tra i fari aeromarittimi.

Venerdì 26 giugno alle ore 17 sarà invece presentato ufficialmente presso l’Oratorio di Santa Maria Maddalena a Laigueglia il restauro del polittico di san Michele. L’opera, conosciuta dalla critica come una delle ultime opere note del percorso artistico di Antonio Brea, è datata 1516 ed è conservata nella chiesa di San Michele Arcangelo di Diano Borello. La presentazione sarà a cura del dottor Franco Boggero della Soprintendenza per i Beni Artistici, Storici e Etnoantropologici della Liguria.