“Pio VII ritorna a Savona” celebrazioni ufficiali per il Bicentenario dell’Incoronazione di N.S. di Misericordia

Ospitata proprio nella suggestiva sede degli appartamenti dove il Pio VIIpontefice cesenate fu prigioniero di Napoleone, si è svolta la presentazione di “Pio VII ritorna a Savona” celebrazioni ufficiali per il Bicentenario dell’Incoronazione di N.S. di Misericordia.
Sono intervenuti il vescovo Vittorio Lupi, il sindaco di Savona Federico Berruti, l’assessore comunale alla cultura e agli eventi Elisa di Padova, il coordinatore del Comitato per il Bicentenario don Giovanni Margara, il presidente dell’A.s.p. Opere Sociali N.S. di Misericordia Giovanni De Filippi, il presidente dell’Autorità portuale Gianluigi Miazza. All’incontro, moderato dal direttore dell’Ufficio stampa diocesano Marco Gervino, hanno partecipato anche altri componenti del Comitato per il Bicentenario nonché le curatrici della mostra “Incontrare Pio VII a Savona” Cristina Gamberini ed Enrica Gasco e l’artista Renata Minuto protagonista della personale “N.S. di Misericordia in Vaticano”.

L’Assessore alla Cultura del Comune di Savona Elisa Di Padova, che ha presenziato questa mattina alla conferenza stampa indetta presso gli appartamenti papali dove Pio VII visse una prigionia triennale, sottolinea: “Tutta la città si è attivata attorno a questa ricorrenza,  con un tavolo di lavoro che ha riunito molte entità nella stesura del  programma delle iniziative. È un’operazione culturale nei confronti della città che riporta alla memoria non solo un fatto rilevante per  Savona ma anche una pagina importante nella complessa storia  europea dell’epoca. Con questo mese di iniziative intendiamo  valorizzare un grande patrimonio culturale e spirituale di  straordinaria importanza che merita di essere conosciuto ed apprezzato da chi visiterà Savona in questo periodo oltre che da tutti  savonesi”.

Il saluto del vescovo Vittorio Lupi – “Nell’anno stesso del Bicentenario dell’incoronazione da parte di Pio VII della statua mariana custodita nel nostro Santuario, Papa Francesco ha indetto il Giubileo straordinario della Misericordia. Oltre a celebrare il rapporto speciale che il pontefice cesenate instaurò con la nostra città e con la sua Patrona, questo anniversario ci consente quindi di rivivere i sentimenti di Misericordia che Pio VII ebbe verso Napoleone, ormai esule a Sant’Elena, e nei confronti della sua famiglia: crediamo sia il modo migliore per ricordarne la figura e fare nostra la sua testimonianza di fede e di vita”

La presentazione del Comitato per il Bicentenario – Grazie alla collaborazione fra Diocesi di Savona-Noli, Comune di Savona e Opere Sociali, nonché al contributo della Fondazione “De Mari”, vogliamo ricordare questo importante anniversario con una serie di iniziative che, sotto vari aspetti, evidenzino la testimonianza umana e cristiana di Pio VII, il suo ruolo nella storia e nella Chiesa, il suo legame con la nostra città e la sua devozione a N.S. di Misericordia. La dimensione spirituale sarà ovviamente forte e segnerà in particolare il giorno della ricorrenza, domenica 10 maggio. Tuttavia, seguendo lo stile di Papa Francesco, queste iniziative vogliono rappresentare soprattutto un’occasione di incontro con l’intera comunità savonese attraverso il linguaggio della cultura, dell’arte, della musica e con modalità innovative, ma ormai tradizionali della società contemporanea come ad esempio la “notte bianca”.

Il Comitato per il Bicentenario è presieduto dal vescovo di Savona-Noli Vittorio Lupi, coordinato da don Giovanni Margara e composto dal dottor Carlo Becce, dal canonico don Giovanni Farris, dal professor Giulio Fiaschini, dalla conservatrice di beni culturali Enrica Gasco, dal giornalista Marco Gervino, dal professor Gianfranco Ricci e dal maestro Paolo Venturino. Il logo del Comitato (sotto) è tratto da un’opera di Renata Minuto.

Martedì 5: veglia e mostre – Si comincia martedì 5 maggio, alle 21 in Duomo, con la veglia “L’ora della Chiesa: Pio VII”. In una data significativa e non casuale – l’anniversario della scomparsa di Napoleone reso immortale dalla celebre poesia di Manzoni – la Diocesi propone una serata di preghiera, ma non solo, per riflettere sulla figura di Pio VII, nella storia e nella Chiesa, e sul suo rapporto col Bonaparte. Il pontefice cesenate, pur tenuto a lungo prigioniero dall’imperatore francese, lo definì “magari un po’ caparbio, ma pur sempre un figlio” mostrando tanta fermezza nella difficoltà quanta misericordia verso lui e la sua famiglia dopo che Napoleone cadde in disgrazia. Terminata la veglia, intorno alle 22, appuntamento nel Chiostro Cappella Sistina, per le inaugurazioni di ben due mostre.

“Incontrare Pio VII a Savona” – Oggetti, paramenti e documenti inediti legati alla figura del Pontefice a cura di Cristina Gamberini ed Enrica Gasco visitabile negli appartamenti di Pio VII tutti i sabati alle 16 e alle 16.30, dal 9/5 al 27/6 e dal 5/9 al 9/1/2016.
La mostra intende far ripercorrere al visitatore il periodo della prigionia triennale del papa a Savona, sotto il controllo di Napoleone e i momenti di festa per il suo ritorno da uomo libero il 9 e 10 maggio del 1815. Nell’appartamento in cui visse, divenuto sede pontificia negli anni di prigionia, si esporranno documenti e opere a lungo nascoste nei depositi della Cattedrale di Savona. Grazie anche al prestito della famiglia Frugoni alcuni paramenti ricorderanno come erano abbigliati i prelati di un tempo e le immagini di Pio VII racconteranno visivamente la personalità di questo Papa che sarà raffigurato dalla creazione dell’artista Andrea Gianasso. Nella sala del trono sarà infatti collocata una scultura dell’artista: il pontefice seduto sul trono, nell’atteggiamento di accogliere, con la mitezza che gli era propria, tutti coloro che entreranno in visita nella sala. Sarà un elemento di novità e di pregio per le sale di Pio VII, un modo per sottolineare, con l’espressività artistica del professor Gianasso, la ricchezza spirituale e umana del Papa che, attraverso una storia di grandi sofferenze, transitata anche per la nostra città, ha dato importanti messaggi per la vita della Chiesa. E non a caso una mostra fotografi ca aprirà l’esposizione mostrando i molteplici luoghi di Savona e dintorni in cui si ricorda la figura di Pio VII.

“Renata Minuto: N.S. di Misericordia in Vaticano” – Mostra dell’artista savonese a 20 anni dalla collocazione dell’Opera nei Giardini Vaticani visitabile in Cappella Sistina e nel Chiostro ogni sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 più nei giorni di approdo delle navi da crociera (10-12) dal 9/5 al 7/6.
Il 10 maggio 1995, proprio nel 180° anniversario dell’Incoronazione, il Priorato diocesano delle Confraternite con tutta la Chiesa di Savona-Noli, donava a Papa Giovanni Paolo II un grande bassorilievo in ceramica realizzato da Renata Minuto raffigurante N.S. di Misericordia. Vent’anni dopo, l’artista ricorda quel momento, reso possibile e anzi già sognato da monsignor Raffaello Lavagna, con una mostra fotografica e soprattutto con una sua personale che raccoglie diverse creazioni fra bozzetti, rielaborazioni dell’opera e anche il suo inedito “stemma di Pio VII”. Una mostra che racconta il secolare rapporto fra la città di Savona e la Roma dei Papi, rinsaldato dall’opera della Minuto.

Sabato 9: la notte bianca – La novità più sorprendente di queste celebrazioni sarà sabato 9 maggio con la “Notte bianca di cultura, arte, spiritualità” che animerà il centro cittadino dalle 21 con musei, chiese e oratori aperti fino a tardi.
Come 200 anni fa, Pio VII a Savona ritorna a Savona grazie alla rievocazioni del gruppo “A Storia”. Un momento di grande emozione e fascino che consentirà di tornare indietro nel tempo proprio nei luoghi cittadini più legati al papa cesenate.

Il corteo storico – Alle 21, partendo da largo Varaldo partirà il corteo storico che vorrà presentare l’arrivo di Pio VII in Savona prigioniero di Napoleone e il suo ritorno, in condizioni di libertà, per incoronare la nostra Patrona, esprimendo così la sua gratitudine per l’aiuto da lei ricevuto in anni di grandi sofferenze. Da una finestra di palazzo Sansoni “il papa” si affaccerà poi su via Pia, che da lui ha preso il nome prima di riprendere il percorso, con il suo seguito, alla volta della piazza del Duomo, attraverso via Vacciuoli. Quindi si affaccerà dalla loggia di piazza Duomo, dalla quale Pio VII si mostrava ai savonesi per benedirli. Da qui poi il corteo storico percorrerà via Aonzo e via santa Maria Maggiore per raggiungere piazza Sisto IV dove si concluderà la rievocazione.

Musei, chiese e oratori aperti – Fino alle 24, oltre alle due mostre legate al Bicentenario, si potranno ammirare gratuitamente le meraviglie del Complesso della Cattedrale, della Pinacoteca civica e del Museo della Ceramica (Palazzo Gavotti). Apertura straordinaria notturna anche per tutti gli oratori e le chiese del centro storico, scrigni ricchi di bellezze artistiche. Nella chiesa delle Suore di N.S. della Neve, invece, spazio alla preghiera e alla spiritualità con adorazione eucaristica notturna e possibilità di confessioni.

Domenica 10: la celebrazione – Domenica 10 è il giorno del 200° anniversario dell’Incoronazione e sarà il momento centrale delle manifestazioni dedicate a Pio VII. Alle 14, presso la prima Cappelletta in Lavagnola, inizierà la processione guidata dalle confraternite che porteranno anche numerosi artistici crocifissi provenienti dall’intero territorio diocesano, ma anche da altre zone della Liguria.
Giunto al Santuario, il corteo sacro si scioglierà in piazza della Basilica dove, intorno alle 16, sarà celebrato il Pontificale solenne presieduto dal cardinal Domenico Calcagno, ospite d’onore per l’occasione, e dal vescovo Vittorio Lupi. La Messa sarà animato da diverse corali diocesane riunite in un solo grande gruppo sotto la direzione di padre Piergiorgio Ladone.
Dopo la Messa un momento di festa conviviale preparato dall’Associazione nazionale Alpini – Gruppo di Savona e dall’Unità di Protezione civile. Sarà inoltre visitabile l’esposizione degli elaborati su Pio VII realizzati dai ragazzi delle scuole. La mostra sarà poi fruibile per tutto il mese nelle sale del costituendo museo diocesano. Infine alle 21, in Duomo la Cappella musicale “Bartolomeo Della Rovere” assieme a Silvia Badano (soprano), Guido Ripoli (controtenore), Mattia Pelosi (tenore), Salvatore Salonio (basso), Paolo Venturino (pianoforte e direzione) eseguirà la “Missa in tempore belli” (Paukenmesse) di F.J. Haydn.

Un mese di eventi correlati – Oltre a queste importanti iniziative il Bicentenario sarà ricordato anche in altre occasioni dedicate o legate a Pio VII andando a costituire un intero mese di festeggiamenti che coinvolgerà tutte le varie realtà diocesane.

Raduno diocesano delle Confraternite
Domenica 17 maggio, dalle 15, a Rialto, si terrà il 39° Raduno diocesano delle Confraternite: un momento di incontro e riflessione seguito dalla processione dei crocifissi per le vie del borgo.

Veglia di Pentecoste
Sabato 23 maggio, alle 21 in Duomo, sarà celebrata la Veglia di Pentescoste con le parrocchie che concluderanno il proprio percorso Pasquale segnato anche dal ricordo di Pio VII.

Convegno diocesano delle corali
Domenica 31 maggio, dalle 14 in Duomo, il Convegno diocesano delle corali raccoglierà decine di cantori, provenienti da numerose realtà della diocesi, che si esibiranno in una rassegna e poi uniranno le proprie voci animando tutti insieme la Messa delle 18. Il convegno costituisce il momento conclusivo della rassegna “Cantare e portare la Croce” nel ricordo di Pio VII.

Gioco in oratorio con i ragazzi
Sabato 6 giugno, dalle 16 nelle strutture dell’oratorio di Maria Ausiliatrice in via Piave a Savona, ragazzi e giovani saranno coinvolti nella “Caccia al tesoro di Pio VII” un’attività di gioco e formazione.

Il Comitato per il Bicentenario sta inoltre lavorando su ulteriori appuntamenti pastorali, culturali e musicali dedicati a Pio VII da programmare nei prossimi mesi.