Fondi Europei: Liguria virtuosa per utilizzo fondi Por Fesr

La Regione Liguria si conferma tra le regioni virtuose nell’utilizzo dei fondi Renzo Guccinelli fp1 x00del programma operativo FESR 2007-2013, superando il target di spesa previsto dal Ministero dello sviluppo economico per fine ottobre 2014. Infatti il Por Fesr Liguria 2007-2014 ha raggiunto il 30 ottobre il livello di spesa pari a 385.975.000 di euro superando così di 2.773.538 il target di spesa ministeriale previsto per fine ottobre, pari a 383.202.207 di euro.
Rispetto all’ultima scadenza di maggio 2014 il programma in liguria ha registrato un ulteriore avanzamento di spesa di 34,7 milioni di euro di fondi destinati, tra gli altri, alle imprese e agli enti locali per interventi di riqualificazione urbana e di recupero di beni storici. Lo comunica l’assessore regionale allo sviluppo economico Renzo Guccinelli.
Per monitorare e sollecitare gli avanzamenti di spesa dei programmi delle Regioni, il Ministero dell’economia ha fissato obiettivi intermedi a maggio e a ottobre di ogni anno, anche per consentire al Ministero stesso riprogrammazioni nazionali degli importi eventualmente non spesi dalle Regioni entro tali scadenze, e arrivare al pieno utilizzo dei finanziamenti comunitari.
“La Liguria sta continuando scrupolosamente a conseguire gli obiettivi di spesa- spiega Guccinelli – rispettando le scadenze dettate a livello comunitario e nazionale”. L’assessore Guccinelli sottolinea anche la delicatezza di operare nell’attuale situazione economica. “Si tratta di un risultato non scontato in un momento delicato del paese – aggiunge l’assessore – pur nella difficile congiuntura economica che ha rallentato gli investimenti delle piccole e medie imprese e che ha comportato carenza di risorse a disposizione degli enti locali coinvolti nel finanziamento dei progetti”.
“Da oggi – conclude Guccinelli – ripartiamo con il massimo impegno anche per i prossimi mesi, per la realizzazione puntuale del programma e sollecitiamo in tal senso tutti i beneficiari a fare la loro parte fino in fondo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*