Dai giovani di Confindustria, un aiuto per gli alluvionati di Genova

Nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria che si è tenuta a Napoli, il savonese Alessio Albani, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori della Liguria, ha tenuto un intervento nel quale, di fronte a una platea di centinaia di esponenti del mondo dell’impresa da tutta Italia, ha sensibilizzato sulla tragica alluvione verificatasi a Genova nelle scorse settimane.
Albani ha dato il via al suo intervento nell’assemblea annuale mostrando al pubblico un filmato sulle conseguenze dell’alluvione genovese, esortando i suoi colleghi e i giovani imprenditori di tutto il Paese a mobilitarsi in favore di Genova, attraverso fondi da raccogliere in aiuto degli alluvionati e con altre iniziative a sostegno delle attività che ha subito danni dagli allagamenti.
Confindustria Genova ha aperto, a tal fine, un conto corrente presso la Banca Passadore (“pro alluvionati ottobre 2014”, IBAN IT28V0333201400000000947867), allo scopo di raccogliere fondi a sostegno delle attività imprenditoriali colpite dai recenti eventi alluvionali. Un Comitato di gestione, costituito all’interno del Consiglio Esecutivo dell’Associazione, ha predisposto un bando (che sarà pubblicato nei prossimi giorni) con criteri e modalità per assegnare, in tempi rapidi, i contributi raccolti. Il Comitato si coordinerà con le altre Associazioni di categoria per assicurare la massima efficacia degli interventi. Il Servizio Legale e Fiscale di Confindustria Genova è a disposizione delle aziende per fornire assistenza nella predisposizione delle pratiche al fine di ottenere i finanziamenti previsti a livello regionale e nazionale.
Consuetudine delle sezioni territoriali dei Giovani Imprenditori, l’organizzazione di una cena di Natalecon raccolta fondi per mezzo di lotteria: per quest’anno, per la prima volta nella storia, le iniziative si concentreranno in un’unica cena, il 5 dicembre a Genova, che oltre alla Liguria ospiterà anche Piemonte, Lombardia e Toscana, al fine di raccogliere quante più risorse possibili pro alluvionati.
I presenti sono rimasti molto colpiti dalle immagini e dalle parole di Albani, e hanno raccolto fin da subito l’invito a dare una mano. “Come si fa, nel 2000, a morire per una morte annunciata? È il momento che chi ha le responsabilità se le prenda, e se le prenda tutte”, ha dichiarato Marco Gay, Presidente Nazionale dei Giovani Imprenditori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*