“I Europe”: delegazione dell’Istituto comprensivo di Vado in Polonia

È stata la penultima trasferta prima della Turchia, che avverrà nel maggio 1 - Vado Ligure - Polonia2015, quella dell’Istituto comprensivo di Vado L. Alla guida della coordinatrice del progetto europeo “I Europe” Mina Bencardino, sono partiti sei insegnanti, Perri, Rosati, Valle, Zavaroni e Fiabane, della scuola secondaria di primo grado. La meta è stata la visita alla scuola di Wolbrom, pochi chilometri da Cracovia. Gli insegnanti hanno avuto come filo conduttore per lo scambio didattico il tema del cibo. Da lunedì a giovedì hanno affiancato i docenti polacchi nella tradizionale lezione mattutina.
«Veramente senza fiato – raccontano dall’Istituto vadese – ha lasciato l’accoglienza di lunedì da parte degli studenti, dei loro insegnanti, della giovane Dirigente scolastica e della coordinatrice locale Prof. Barbara Olewiska: in uno spazioso locale adibito con fiori e festoni, dai tradizionali colori polacchi, la scuola di Wolbrom ha celebrato la giornata degli insegnanti e dello studente che annualmente ha luogo proprio il 12 ottobre e che quest’anno è avvenuta sotto l’occhio dell’Europa. Ad aprire la celebrazione l’inno della scuola accompagnato dalla bandiera dell’Istituto e del comune del piccolo paese di Wolbrom, scortate dal rullo di tamburo di due giovani scolari in divisa. Dopo il saluto ufficiale i ragazzi si sono cimentati in esibizioni varie, dalla drammatizzazione alla poesia. Veramente suggestiva la seconda mattina scolastica: impegnata tutta la comunità, genitori compresi, è avvenuta la cerimonia di “investitura” da parte della Dirigente scolastica , che ha nominato i novelli allievi come perfetti scolari, una sorta di giuramento degna delle migliori tradizioni cavalleresche. I ragazzi più grandi, frequentanti l’ultimo anno dell’Istituto, hanno “passato le consegne” donando ai piccini una rosa ciascuno. Dopo la cerimonia, i discenti si sono recati nelle varie aule per le lezioni di routine osservati dai prof Europei. La Dirigente ha mostrato l’archivio della scuola che conserva oggetti di ogni tipo come registri degli anni quaranta, antichi banchi, elmetti, ecc.».
«Gli insegnanti ospiti, dopo le attività scolastiche hanno partecipato ai vari laboratori: interessante il Workshop in Wielicza con studio dei mestieri del passato sempre legati al cibo e molto divertente si è rivelato il Cookery workshops in Wolbrom: i docenti si sono trasformati in cuochi . Sotto la guida di ottimi chef locali hanno prodotto pietanze che hanno avuto modo di gustare essi stessi a pranzo, il tutto allietato da uno splendido gruppo folckoristico locale e contornato da stand di tutti i tipi: dal miele, al legno, ai fiori di carta.
A marzo Vado e Savona ospiteranno i colleghi di “I Europe” dal Portogallo alla Turchia. Mostreranno loro l’Istituto comprensivo e saranno fieri di illustrare le nostre cultura e tradizioni: «dal cibo alle ceramiche, al vetro di Altare, con il proposito di crescere insieme ai ragazzi e di diventare ottimi scolari e cittadini d’Europa e facendo delle diversità un punto di forza per migliorare, affinché il confronto possa costruire dei ponti immaginari sui quali incontrarsi oltre che con la mente anche con il cuore, in un periodo storico in cui è il caso di dire “L’Unione fa la forza”».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*