Ad Alassio il campionato mondiale D One

di Claudio Almanzi – Sarà in questo fine settimana il campionato D Onemondiale D One ad aprire ufficialmente i festeggiamenti per il 90esimo anniversario di fondazione del Cnam alassino. La segreteria del circolo velico ha già iniziato alle 9 di questa mattina ad ultimare le operazioni di iscrizione delle imbarcazioni e dei velisti che si batteranno nelle ragate che assegneranno il titolo da domani fino a domenica. Fra i favoriti ci sono l’ ungherese Tamas Szamody, il britannico Ben Falat ed il francese Remi Perri, mentre fra gli italiani sono molto attesi Mario Rabbò (“Gioia” del CN Rapallo), Furio Patrizio Monaco (“Billo Baccani” YC Santo Stefano) ed i fratelli Riccardo e Giuseppe Pontremoli (rispettivamente con “Neftalì” e “ Barca Killa” entrambi dello YC Italiano). Nei Master sono dati per favoriti due azzurri Fabio Toccoli (“Audace”, CV Torbole) fresco campione italiano master e Furio Patrizio Monaco.
“Gli iscritti- dice Ennio Pogliano, presidente del Cnam- non sono molti in quanto questa classe è una delle ultime nate nel panorama della vela internazionale. Ma contiamo sulla presenza di una cinquantina di velisti che si affronteranno per un titolo mondiale di prestigio in una classe che negli ultimi anni è cresciuta ed è molto spettacolare. Anche dagli italiani contiamo di vedere delle prove di valore”. Sono previste due prove al giorno (al massimo saranno otto); la partenza della prima regata giornaliera verrà data, salvo imprevisti, sempre alle ore 11. “Cercheremo anche- conclude Pogliano- di posizionare il campo di regata più a terra possibile per consentire agli appassionati ed ai turisti di seguire agevolmente le spettacolari evoluzioni dei velisti in gara. Non va dimenticato infatti che questo mondiale ha una rilevanza anche per il turismo alassino perché si tratta di un evento che richiama un bel numero di presenze e sarà seguito adeguatamente da giornali, radio e televisioni anche stranieri. Anche Rai Sport sarà della partita con ampi servizi sull’evento”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*