Villanova d’Albenga: si aprono i festeggiamenti per la celebrazione quinquennale di Nostra Signora delle Grazie

Festa grande a Villanova d’Albenga per la celebrazione quinquennale di Nostra Signora delle Grazie, l’evento religioso organizzato dalla parrocchia di Santo Stefano, in collaborazione con Comune, Unione Sportiva Villanovese, Pro Loco, CIV e Associazione Culturale Villanovese, in occasione dell’8 settembre per la celebrazione della Natività di Maria.
I festeggiamenti religiosi prenderanno ufficialmente il via sabato 6 settembre per concludersi domenica 14 settembre, ma saranno preceduti da una novena di riflessione e preghiera in programma sabato 30 agosto nella chiesa di Santo Stefano, mentre in piazza Mazzini dal 6 al 20 settembre saranno organizzati spettacoli per bambini, concerti musicali e spettacoli teatrali.
La tradizione vuole che il Santuario di Nostra Signora delle Grazie sorga dove, nel XIV secolo, venne firmata la pace tra i conti di Clavesana e la Repubblica di Genova. Al suo interno è custodita la statua lignea raffigurante la Madonna delle Grazie, realizzata nel 1804 dallo scultore genovese Barabino.
Quest’anno, le celebrazioni acquistano una particolare solennità, come tradizionalmente accade con cadenza quinquennale. Per l’occasione, giovedì 11 settembre, alle 21, nella chiesa di Santa Caterina verrà presentato il libro “Il portico della Gloria” di Davide Gandini, ma il culmine della settimana dei festeggiamenti sarà la domenica successiva alla natività di Maria quando si celebrerà il rito dell’“A muntata”. Per l’occasione, domenica 14 settembre, a partire dalle 17.30, dopo il lungo periodo di esposizione nella chiesa di Santa Caterina, al centro del paese, la statua lignea, per mezzo di un complesso e antico argano, sarà fatta lentamente risalire, fra preghiere e canti solenni, nella nicchia del Santuario, sopra il pilone dell’altare maggiore, dove sarà custodita fino all’anno prossimo. Quest’anno al “Festone della Montata” oltre alle confraternite villanovesi prenderà parte anche la banda.
A Villanova d’Albenga, i festeggiamenti alla Madonna delle Grazie risalgono al secolo scorso, quando i padri tramandarono alle figlie nubili l’usanza di ornare la “Madonna” con gli ori inviati dagli emigranti e donati dai Villanovesi. Presto, gli ornamenti furono così numerosi che si decise di farli fondere per realizzare una corona per la Madonna e in seguito una per il Bambino. Le due corone furono poi rubate e le villanovesi, profondamente legate alla Vergine, ripresero a donarle i preziosi.

Ecco il programma degli eventi che animeranno piazza Mazzini:

Sabato 6 settembre, alle 21.30, sarà messo in scena uno spettacolo per bambini curato dell’associazione culturale “I senzatetto” di Alassio. Crèpes e bibite saranno offerti ai bambini dalla Pro Loco;

Martedì 9 settembre, alle 21, la compagnia teatrale dialettale alassina presenterà l’atto unico di Gianni Croce “Ciù me segnu… e ciù u lampa”;

Mercoledì 10 settembre, alle 21, la compagnia teatrale albenganese “La valigia del comico” presenterà “Scampoli di Teatro”

Venerdì 12 settembre, alle 21, la piazza sarà animata dal concerto del Coro Mongioje; mentre sabato 13 sarà la volta della Corale parrocchiale Santo Stefano di Villanova d’Albenga;

Sabato 20, alle 21, il Gruppo Teatrale Don Bosco di Varazze presenterà la commedia dialettale “E due camèe”.
In caso di maltempo gli spettacoli si svolgeranno all’interno del Salone dei Fiori.

Nel centro sociale, di via Garibaldi, invece, dal 6 al 20 settembre, sarà allestita la mostra Hidropolis Meccanicas Fishes” di Paolo Ceccon.