Albenga, replica per Tempo Parallelo di Silvana Ansaldo e Paolo Gerbella

di Redazione CorsaraAlbenga. Dopo la prima tenutasi presso Palazzo 15 Tempo Parallelo di Paolo Gerbella - Albenga 26-8-2014Scotto Niccolari l’11 luglio lo spettacolo “Tempo parallelo”, ideato dalla regista Silvana Ansaldo, organizzato insieme con l’Associazione Culturale Governo Ombra, è stato replicato con successo in Piazza san Michele. Dopo il saluto del Vicesindaco Riccardo Tomatis sono saliti sul palco musicisti e attori. Ricordiamo il singolare percorso umano di Gerbella: dopo aver lavorato a lungo come manager ha scelto di cambiare vita per diventare scrittore e poi cantautore. Ha inciso il suo primo album “Tempo parallelo” presso l’Hilary Studio di Rox Villa e adesso lo sta portando in tournèe. Accompagnato da Mattia Tommasini al violino, Enrico Simonettti alla batteria e Paolo Priolo al basso ha cantato una serie di canzoni garbate, dai testi molto profondi spesso accompagnati da ritmi esotici, i cui testi riflettono la necessità di compiere scelte di vita al momento giusto, o sul come il nostro mondo sia ossessionato dal tempo e non sappia gioirne, per esempio perdendosi in interminabili code, magari stando sui tacchi.

Gerbella si inserisce nel più classico cantautorato italiano ma senza essere eccessivamente derivativo, cosa rara in un panorama che ha alle spalle mostri sacri come Paolo Conte o De Gregori, autori che lui riconosce come maestri al pari di Guccini o Bertoli e De Andrè. Alcuni suoi testi sono stati recitati con passione da Amelia Conte e Fausto Icardo, mentre Giada Ricotti e Giada D’Amico danzavano. A presentare Luca Valentini di Radio Onda Ligure. La piazza si è riempita di gente che ha apprezzato molto Gerbella e i suoi accompagnatori, specialmente il violinista Tommasini, senza togliere nulla agli altri. In un panorama affollato come quella della canzone d’autore italiana per fortuna c’è ancora chi ha qualcosa da dire e sa come dirla.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*