Code e cantieri sulla Autostrada dei fiori, Melgrati: “presentata una interrogazione urgente”

«Oggi 9 Agosto, procedendo in direzione Savona, entrando in autostrada coda autofiori 1dal casello di Albenga, mi sono imbattuto subito in una coda biblica alle ore 13. E’ incredibile, nonostante gli appelli del Governo e le rassicurazioni delle società autostradali italiane, che promettono e assicurano per il periodi agostano l’assenza di cantieri, in una giornata da bollino rosso, l’ultimo sabato prima di ferragosto, nel tratto sopra descritto Autofiori c’era invece un cantiere aperto e deserto». Così il consigliere regionale Marco Melgrati.

«Deserto – prosegue l’ex sindaco alassino – nel senso che nessuno stava lavorando, e il restringimento ha provocato e provoca code inenarrabili, di turisti italiani e stranieri, tutti “incazzati” per questo cantiere che sicuramente non è strettamente urgente e indispensabile, e poteva essere tranquillamente posticipato a settembre, visto che di operai al lavoro non vi era nemmeno l’ombra. In un momento di crisi come questo, con il servizio che per l’Autostrada dei Fiori è già carente, con le tariffe per questa autostrada tra le più care d’Europa, presentarsi ai turisti che procedevano in direzione Genova, entrati in Italia per le loro vacanze, in una giornata di sabato agostano con un cantiere inutile e deserto è veramente incredibile. Altro che torta di riso finita!!! Questo sarebbe uno dei nostri biglietti da visita per invogliare e dare il benvenuto ai turisti stranieri diretti nelle nostre località di vacanza?».

«Inoltre, a livello di pianificazione degli interventi, sicuramente il sistema Italia non fa una bella figura! Ho presentato una interrogazione urgente; tutto questo è inaccettabile tanto più che le tariffe di quel tratto autostradale sono in continuo aumento a causa dei costi di manutenzione, sui quali non vi è alcun controllo; se poi i cantieri sono addirittura fantasma, e per di più ad Agosto, allora non parliamo di rilancio del turismo», conclude Marco Melgrati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*