Agenzia regionale per il trasporto pubblico locale: i commenti di Burlando, Vesco e Paita

“La neonata agenzia avrà il compito di acquistare gli autobus per tutte le Claudio Burlando al1prim pmc1 x00aziende della regione, circa 400 in 4 anni a partire da quest’anno, e quello di bandire la gara per l’esercizio unico nel bacino ligure, certamente per quanto riguarda la gomma poi si valuterà se anche per i servizi ferroviari. L’obiettivo è quello di definire i servizi in qualche mese e di far partire la gara all’inizio del prossimo anno in modo che, dal 2016, si possa avere il servizio gestito dalla nuova società che vincerà la gara a cui, ricordo, possono partecipare, da sole o anche associate, le attuali aziende. Lo scopo è mettere in campo aziende più forti in modo che si possa dare al sistema, che da anni è in difficoltà, un assetto definitivo. Una regione piccola come la nostra è giusto che affronti questa vicenda con un’azienda forte in grado di competere in un mercato ormai difficilissimo”. Lo ha detto oggi il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’Agenzia regionale per il trasporto pubblico costituita in mattinata presso la sede di Filse S.p.a., alla presenza dei rappresentanti delle Province e dei Comuni liguri capoluogo.

L’assessore Enrico Vesco ha espresso la sua soddisfazione: “Essere riusciti a costituire l’agenzia ci da’ la certezza che quel percorso a cui abbiamo lavorato da molto tempo non si fermi più, con la convinzione piena di tutti gli enti e soprattutto con un apporto importante in termini di sostegno e di collaborazione. Il passaggio successivo è l’emanazione della gara, una gara unica su tutto il bacino regionale, dobbiamo accelerare i tempi perché possa essere presentata entro la fine dell’anno o, al massimo, nel primi mesi del 2015. Il termine che ci siamo dati oggi per completare tutto il periodo di gara e avere il nuovo, o i nuovi, operatori è la fine del 2015. Con oggi sono più tranquillo sul poter raggiungere il risultato. La scelta forte di fare un’agenzia su base regionale ci consentirà di ottimizzare costi e servizi offerti ai cittadini, sono convinto che ci siano le condizioni per garantire un servizio migliore e per dare stabilità al sistema con nuove risorse, quali il recupero dell’Iva. Il biglietto unico, a parità di tariffa e percorso pagato, consentirà lo spostamento in qualunque tratto della nostra regione”.

L’assessore Raffaella Paita è intervenuta sul ruolo svolto per la nascita dell’Agenzia: “Ho collaborato per far arrivare le aziende coinvolte il più possibile integre al percorso dell’agenzia, agendo in parte su AMT, con un lavoro che si è concluso con l’accordo. Su Atp abbiamo scelto una strada diversa con l’operazione di concordato. Scelta importante che ci ha consentito di risolvere bene lo stato di difficoltà dell’azienda salvando occupazione e servizio; la procedura sta andando bene e durerà ancora per un periodo. Infine, la vicenda di RT, azienda che ha delle difficoltà obiettive. Anche in questo caso stiamo lavorando per fare un’operazione simile a quella di Atp perché abbiamo elaborato un progetto di trasporto pubblico sulle aree interne, utilizzando risorse che derivano dall’unione dei Comuni e da risparmi delle comunità montane. In questo modo risolviamo una parte dei problemi esistenti, circa la metà; l’altra parte sarà una delle tematiche che dovrà essere risolta insieme con i Comuni, esattamente come avvenuto per Atp, all’interno di un quadro progettuale che porterà a un miglioramento del servizio. Oggi abbiamo tre delle realtà che devono far parte della vicenda di riforma che arrivano comunque con segnali positivi al nuovo appuntamento. Adesso scatta la fase nuova, tutta nelle mani dell’Agenzia”.