Consiglio regionale, Melgrati: “realizzare un’uscita/entrata autostradale a Orco Feglino”

Discussa in Consiglio regionale l’interrogazione del Capogruppo di Forza Marco Melgrati B1 00Italia Marco Melgrati sulla realizzazione dell’uscita/entrata autostradale a Orco Feglino provenienza Ventimiglia. Spiega Melgrati: “è presente sul tratto autostradale Savona – Ventimiglia, con provenienza da Savona, l’uscita con il casello meccanizzato di Orco Feglino. Non si capiscono le motivazioni che impediscono di realizzare nel senso opposto l’uscita/entrata speculare. E’ bene anche ricordare che l’Autostrada dei Fiori è tra le più care d’Italia in quanto a costo tariffario, di contro però non vi sono servizi adeguati ad un autostrada che per la posizione dovrebbe agevolare l’incoming turistico verso le località della nostra regione tra le quali vi è appunto Orco Feglino, rinomata e conosciuta meta per le palestre di roccia, che attraggono moltissimi appassionati, e punto di partenza per raggiungere l’Alta Via dei Monti Liguri, itinerario escursionistico molto frequentato e conosciuto dagli amanti della natura”.

“L’assessore Paita – continua l’esponente di Forza Italia – mi ha risposto che la normativa in merito alla situazione geomorfologica della zona impedisce la realizzazione del casello per Orco Feglino provenendo da Ponente. Ma io non posso accontentarmi di una spiegazioni che non si fonda su alcun elemento tecnico e tanto meno su documentazione precisa, perciò ho chiesto venga organizzato un sopralluogo con i tecnici di Autostrade, della Regione al quale voglio partecipare anche io per capire se è veramente un impedimento insormontabile o con i giusti investimenti si può risolvere il problema”.

“Aspetterò la fine di Agosto se entro quella data la mia richiesta rimarrà inascoltata presenterò una ulteriore interrogazione oltreché una richiesta scritta. Credo che sia impensabile che nel 2014 non vi siano le soluzione tecniche per ovviare a questo problema, forse sarebbe meglio dire che non vi è la volontà da parte di Autostrade e di Regione di intervenire concretamente. E questo è inaccettabile tanto più che le tariffe di quel tratto autostradale sono in continuo aumento a causa dei costi di manutenzione, sui quali non vi è alcun controllo”, conclude Marco Melgrati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*