Albenga, apre la quinta edizione di Terreni Creativi

creativi2

di Alfredo Sgarlato Albenga. Quinta edizione per il Festival ideato da Kornoteatro, la più originale manifestazione che si può apprezzare nelle nostre lande, e forse anche altrove. Sede della prima serata è l’impresa Terra Alta, in regione Filuse. Il pubblico è accolto dalle allieve dello stage di danza di Nicoletta Bernardini, che ballano nelle serre.

A fare da avanspettacolo Gli omini, Luca Zacchini e Nicolò Bellini, che mettono in scena “La lunga asta del Santo”. Dopo aver distribuito denari al pubblico e aver installato, con modi imbranati, un banchetto da banditore, iniziano a raccontare le vite, in parte filologicamente corrette, in parte inventate, dei santi più e meno noti. Quindi le figure dei santi sono messe all’asta, rigorosamente in lire, e il pubblico, tra le matte risate, si scatena nelle offerte. Una signora che non è in grado di pagare la somma offerta è creativi1condannata a genuflettersi di fronte a San Calimero. Qualcuno dietro di me commenta: “è un po’ blasfemo; è un capolavoro”. Risate, allegria, e un miracolo finale.

Dopo la cena al ritmo lounge e reggae delle ottime musiche missate da MaNu Dj, spettacolo clou della serata: “Primi passi sulla luna”, di e con Andrea Cosentino. La luna è lo spunto di un lavoro teatrale e metateatrale, un vero e proprio saggio sul postmodernismo. In un continuo gioco di connessioni la Pimpa si lega a Kubrick, e Kubrick alla teoria del complotto, fondamento della letteratura postmoderna da Pynchon a De Lillo.

Cosentino entra ed esce dallo spettacolo, di volta in volta è un personaggio, è un finto critico che spiega il lavoro di Cosentino (o di Kubrick), è se stesso che racconta come nasce, e non finisce, lo spettacolo. Narrazione e vita vera, comico e drammatico, cappelli rosa si legano a Nick Drake, “Pink moon” ovviamente, e questi a Fred Buscaglione, con l’autore/attore che cambia voci e accenti a seconda dei personaggi. Un testo geniale, che pubblico sottolinea con risate e applausi nei momenti più intensi.

Un po’ lungo forse; infatti è mezzanotte passata quando sale sul palco il trio di Fabio Giachino, e molti spettatori se ne sono già andati via. Sbagliando, perché i tre musicisti sono molto bravi. Eseguono un jazz molto moderno e ritmato, tutte composizione proprie tranne la conclusiva “You taught to my heart to sing” di Mc Coy Tyner. Giachino è un interessante pianista, con un bel senso della frase, che non perde la melodia nemmeno sui tempi più veloci; validi i due accompagnatori, il contrabbassista Davide Liberti e l’ottimo batteristacraetvi3 Ruben Bellavia, a suo agio su tempi molto particolari, quasi da rock o da drum’n’bass, che tiene con stile geometrico. I pochi fortunati rimasti apprezzano molto. Davvero una bella serata, in cui abbiamo riso molto, ci siamo commossi, abbiamo mangiato bene e ascoltato grande musica. Stasera un’altra scoppiettante serata al CeRSAA di regione Rollo.

* Foto di Sandro Immordino e Giorgio Barbera 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*