Apre a Savona MusicLab – Sala prove, studio di registrazione e laboratorio musicale

Apre a Savona, in Via Chiavella 20r, Music Lab, uno spazio per le giovani (e music lab 2non solo giovani) band del territorio dove provare, registrare, ritrovarsi e progettare; un laboratorio musicale a 360° che ambisce a diventare un vero e proprio polo musicale unico nel suo genere nel territorio savonese.

“L’apertura di Music-Lab – dichiara l’Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili Elisa Di Padova –  è un grande risultato, con cui portiamo a termine e inauguriamo un progetto nato anni fa e realizzato con un finanziamento della Regione Liguria al Comune di Savona nell’ambito del Contratto di Quartiere CQ2. Savona avrà uno spazio per le giovani (e non solo giovani) band del territorio dove provare, registrare, ritrovarsi e progettare. Un laboratorio musicale a 360° che ambisce, sul lungo periodo, a diventare un vero e proprio polo musicale unico nel suo genere nel nostro territorio. Music Lab si inserisce alla perfezione con il suo modello gestionale nel progetto più ad ampio respiro che vede questo Assessorato impegnato sui diversi fronti a ribaltare il modello “assistenzialistico”delle politiche Giovanili, come organizzatrici di intrattenimento a spot, un modello ormai superato dalla spinta che deve venire dal basso: le politiche giovanili devono divenire strumento in mano ai giovani, dobbiamo dare loro le opportunità e le competenze per realizzare progetti e sogni che non finiscano una volta terminati i finanziamenti pubblici, ma in grado di autoalimentarsi e con un respiro sul lungo periodo”.

Insieme all’Amministrazione c’è il Terzo Settore; oltre ad Arci, capofila e ideatore del progetto, ci sono altre due associazioni di promozione sociale come Acli e Aics – “Music Lab troverà inoltre un territorio vivace e promotore di iniziative: le Officine Solimano, il Tavolo dei Giovani, il Campus, le collaborazioni con numerosi musicisti affermati che hanno già dato la loro disponibilità costruire progetti dedicati come workshop o seminari. Crediamo con questo progetto di colmare un vuoto che i giovani musicisti sentono forte sulla loro pelle: sale prove e registrazione a tariffe basse e a portata di tasca per poter sviluppare la propria passione e perché no, anche qualcosa di più” conclude l’Assessore Di Padova.

Un’area di 100 mq viene messa a disposizione delle band con sale prove, studio professionale, sala regia e spazi di aggregazione per musicisti della provincia che avranno l’opportunità di provare, registrare e produrre il proprio lavoro creativo con strumentazione di qualità, messa a disposizione in loco, su supporto tecnologicamente avanzato; nonché partecipare a iniziative di formazione e didattica musicale (corsi, stage e workshop) in modo da coinvolgere non solo chi musicista lo è già, ma anche chi desidera diventarlo o esplorare nuovi spazi nell’universo delle sette note.

Dichiarano Alessio Artico e Giovanni Durante, presidente e direttore Arci Savona capofila del progetto: “Si tratta di un’iniziativa realizzata in collaborazione con amministrazione comunale di Savona, Acli e Aics e sviluppata – dal lontano 2004 – grazie all’Arci e alla preziosa collaborazione di Andrea Tessitore. L’iniziativa ha subito diverse pause di carattere tecnico, ma ormai siamo pronti. I locali dispongono di tre sale prove, due delle quali attrezzate a livello semi-professionale ed una ad uso didattico con batterie, amplificatori per chitarre e basso, tastiere e mixer di sala, il tutto coordinato da una control room ben attrezzata che sarà gestita da fonici professionisti. Le tariffe d’uso, concordate con l’amministrazione comunale, sono concorrenziali rispetto ad altre sale prove, con agevolazioni per chi è socio Arci, Acli, Aics».

Dopo un periodo di start-up, si prevede che le sale possano essere gestite dagli stessi musicisti che dovranno costituire un’associazione ad hoc. Da settembre 2014 saranno inoltre attivati corsi per strumenti con insegnanti qualificati e progettati percorsi culturali e sociali, sempre legati alla musica.

L’obiettivo immediato è la creazione di uno spazio dove le giovani band savonesi possano ritrovarsi per provare o per registrare i propri brani, mentre sul lungo periodo è la formazione, quasi in automatico, di un vero e proprio polo musicale che porti i gruppi del comprensorio savonese e magari anche ligure o basso-piemontese a costituire una scena più coesa, superando la frammentarietà attuale, con conseguenti benefici e nuove possibilità sia per i musicisti stessi sia per il tessuto culturale, sociale ed economico del territorio.

Giovanni Durante ha poi ricordato la figura del dj savonese Tommy music labSalvato, importante professionista prematuramente scomparso, attivo a Londra negli anni scorsi: nei prossimi giorni sarà apposta una targa in suo ricordo, dal momento che i genitori hanno donato molte delle attrezzature dei suoi studi di Londra al MusicLab: sarà un modo per onorarne la memoria e soprattutto l’enorme passione per la musica. Come ha sottolineato ancora l’Assessore Di Padova, questo luogo potrà anche essere il fulcro di un vero e proprio censimento della musica savonese e dei suoi interpreti, dove fare rete non deve essere un semplice slogan ma un modo per confrontarsi, sviluppare opportunità culturali e professionali, esprimere le potenzialità creative della città.

GOS del nucleo della Spezia fa brillare bomba

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*