A Ernesto Ferrero il Premio speciale Inquietus Celebration 2014 della Festa dell’Inquietudine

È stato assegnato a Ernesto Ferrero, direttore del Salone Internazionale del Ernesto FerreroLibro di Torino, il Premio speciale Inquietus Celebration 2014 della Festa dell’Inquietudine, che si terrà dal 15 al 18 maggio a Finale Ligure (Savona)

Si legge nella motivazione: “Il Circolo degli Inquieti è orgoglioso di assegnare il premio speciale Inquietus Celebration 2014 a Ernesto Ferrero. Il suo indiscusso profilo di scrittore, intellettuale e profondo conoscitore del mondo dell’editoria occidentale ne fa uno dei massimi intellettuali e scrittori del panorama nazionale ed europeo. In lui si coniugano con naturalezza le raffinate doti di narratore ed indagatore storico a quelle di abile editore che ha saputo attraversare con successo il pelago, spesso agitato, della cultura e dell’editoria italiana lasciandovi un segno profondo universalmente apprezzato. Per questa ragione il Circolo degli inquieti, che già aveva l’onore di poterlo annoverare tra i suoi soci onorari, è lieto di conferire questa attestazione ad un sincero e prezioso Amico”.

Il premio sarà consegnato sabato 17 maggio alle ore 21 all’Auditorium di Santa Caterina in Finalborgo, in occasione del “Dialogo sulle fughe nostre e altrui” che vedrà fra i relatori lo stesso Ferrero, Paola Mastrocola, Luca Ricolfi e Carla Sacchi Ferrero. Contrappunti musicali a cura di Dario Caruso e Maurizio Ganora.

Ernesto Ferrero, nato a Torino, ha lavorato tutta la vita in editoria, prima in Einaudi, poi in Boringhieri, Garzanti, Mondadori, quindi di nuovo in Einaudi come direttore editoriale. Dal 1998 è Direttore del Salone Internazionale del libro di Torino. Tra i suoi libri, i romanzi N. (Premio Strega 2000), L’anno dell’Indiano, La misteriosa storia del papiro di Artemidoro, una biografia di Barbablù e Disegnare il vento, tutti presso Einaudi; il saggio Lezioni napoleoniche (Oscar Mondadori), il monologo teatrale Elisa (Sellerio); i libri di memorie einaudiane I migliori anni della nostra vita (Feltrinelli) e Rhêmes o della felicità (Liaison); una biografia per immagini di Italo Calvino (Album Calvino, con L. Baranelli, Oscar Mondadori), e Primo Levi. La vita e le opere (Einaudi). Per i bambini ha scritto L’ottavo nano (Battello a vapore) e Il giovane Napoleone (Gallucci). Storia di Quirina, di una talpa e di un orto di montagna è il suo ultimo libro, appena uscito da Einaudi, con illustrazioni di Paola Mastrocola.Traduttore di Flaubert e Céline, collabora a La Stampa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*