Elezioni, Ravera (RC): “Cosa pensano i candidati Sindaco di Vado del carbone?”

Vado Ligure non è semplicemente una cittadina di 8000 abitanti della Marco Ravera 00provincia di Savona, Vado Ligure è la cittadina che ospita una buona fetta delle servitù della provincia di Savona. Il territorio comunale “vanta”, infatti, discariche e cave, una piattaforma multipurpose in costruzione e una centrale elettrica a carbone.

«Proprio quest’ultima è per noi una questione davvero centrale, perdonate il gioco di parole, in ballo ci sono la salute dei cittadini, il lavoro dei dipendenti diretti e dell’indotto, l’ambiente che ci circonda» dichiara Marco Ravera, Segretario provinciale Rifondazione Comunista.

«Su questo punto i candidati sindaci di Vado Ligure dovrebbero dire qualcosa di chiaro anche a seguito del sequestro dei gruppi a carbone da parte della Magistratura, ma di parole chiare ho sentito solo quelle del nostro candidato Antonio Murru sostenuto dalla lista “L’altra sinistra per Vado” che riprendendo il programma elettorale ha ribadito la netta contrarietà all’uso e all’abuso del carbone criticando le scelte degli enti locali, ha sottolineato l’opportunità di una revisione dell’AIA, ha ribadito la necessità di utilizzare le migliori tecnologie ed ha auspicato un progressivo abbandono del carbone. Cosa pensano gli altri candidati Sindaco?», conclude Ravera.

GOS del nucleo della Spezia fa brillare bomba

1 Comment

  1. Ancora una volta – tanto per “non cambiare” – ssentiamo la solita disinformata speculazione contro il Carbone che dimostra quanto poca si conosce del fondamentale tema dell’Energia in generale e della produzione Elettrica in particolare, indubitabile volano di BENESSERE e di SVILUPPO negli ultimi 50 anni nei Paesi più avanzati e sviluppati del Mondo e dell’Europa, tra i quali pare ci sia ancora anche l’Italia (G8), ma forse ancora per poco!

    Infatti, la demagogia e la fuorviante invormazione sul combustibile Carbone, che continua ad essere impropriamente demonizzato,rischia di portare l’Italia in una situazione davvero insostenibile, sia dal punto di vista strategico che da quello della capacità di competere della nostra industria manifatturiera Paese, a tutto danno dell’occupazione, del benessere e dell’uscita dalla pesante crisi che da un lustro ci attanaglia.

    Ma è davvero così difficile fare un minimo di serio approfondimento ed andare a vedere come TUTTI i Paesi più sviluppati d’Europa (Germania in primis) producono l’Elettricità a casa loro ???

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*