Elezioni Albenga- Dibattito al San Carlo non delude i cittadini. Concretezza dei candidati sindaco

IMG_3918 (800x600)

[ M C / A S ] – L’appuntamento di ieri sera al San Carlo, organizzato da : Comitato acqua pubblica, Salviamo il paesaggio, Campagna rifiuti zero, cittadinanzattiva e Libera – e condotto con autorevolezza dal corsaro Francesco Canobbio – ha visto la partecipazione di una grande folla, tanti candidati e cittadini, stipati nell’Auditorium per seguire il dibattito che ha visto la presenza di tutti i sei candidati sindaco di Albenga. La scelta di M5s, dopo il forfait dell’incontro organizzato da Primocanale della sera prima, ha avuto modalità che, sportivamente gli altri candidati sindaco hanno accettato: Ivano Corallo ha annunciato – infatti –  che su ogni tema avrebbe risposto un candidato consigliere.IMG_3920 (800x600)

  • Quale futuro per il servizio idrico? Quale gestione per la nostra acqua?

Un piccolo miracolo. Tutti candidati si sono detti d’accordo sul rispetto del referendum e l’impegno a mantenere l’acqua pubblica. Alcuni distinguo sul raggiungimento del proposito. Milani e Giraldi rivendicano la militanza e la partecipazione attiva alla raccolta delle firme. Guarnieri e Nucera ricostruiscono la lunga storia del contenzioso tra comune e ILCE, nonché le problematiche relative ai prezzi e al depuratore. Guarnieri ribadisce come la difesa dell’acqua pubblica sia alla base della sua caduta. Cangiano fa notare che riportare al pubblico la gestione  dell’acqua, è una scelta giusta,   che  – a causa del contenzioso con ILCE –  ha tempi tecnici non risolvibili in un giorno. Un cavallo di battaglia, insieme al forno crematorio, invece per M5S  che mostra di conoscere a fondo l’argomento e di voler continuare la battaglia.

  • Quale educazione alla legalità? Quale uso dei beni nel nostro territorio confiscati alla mafia?

Milani racconta di essere fondatore dell’ associazione Libera nella nostra zona, Giraldi di frequentarla fin da ragazzo. Nucera e Guarnieri confermano la massima trasparenza e raccontano come un’unica società mista pubblico privato sia stata sciolta quando sospettata di infiltrazione. Nucera parla anche di necessità di lavoro di prevenzione nelle scuole. Il candidato di M5s informa che tutti i candidati consiglieri sono incensurati e Cangiano mostra le sue mani, dicendo che anche lui è incensurato. Tutti gli altri candidati confermano di non avere subito condanne penali.  Stupore per l’esistenza di beni confiscati alle mafie da parte di tutti i candidati, escluso M5s e Cangiano, che sono a conoscenza di un appartamento confiscato. La proposta di Cangiano di darlo in uso a qualcuno che ne abbia veramente bisogno, pare accettata da tutti i candidati.

  • Siete disponibili ad avviare il “Censimento del cemento” e una futura pianificazione urbana indirizzata verso “Zero consumo del suolo”. 

Salviamo il paesaggio. Tutti si dichiarano a favore della cessazione di nuove costruzioni. Milani e soprattutto Giraldi auspicano un nuovo PUC. Guarnieri e Nucera rivendicano la bontà del progetto esistente. Cangiano ritiene inadeguato e da modificare, adeguandolo ai tempi attuali, dando importanza alla riqualificazione eco-sostenibile e con attenzione al mondo agricolo.

  • Ritiene importante un’azione unitaria fra amministrazione comunale e cittadini? Come intende procedere per una reale partecipazione dei cittadini . 

Tutti i candidati sono favorevoli a una maggiore consultazione dei cittadini, anche con referendum consultivi, dice Giorgio Cangiano, seppure giudicati troppo onerosi; ogni forma consultiva sarà utilizzata per rafforzare il rapporto eletto/elettore nella formazione delle scelte. Milani fa un cenno all’esperienza di Bologna che sembra funzionare benissimo. La Guarnieri ricorda le sue serate a consultare sul suo  ipad le mail dei cittadini e il numero impressionante di quelli incontrati di persona. Solo Nucera non ci sta al discorso di M5s che chiede che siano i cittadini a decidere, non riconoscendo una maggiore autorità del sindaco, rispetto al cittadino. Per Nucera, la delega che riceve l’eletto è la legittimazione che gli consente poi le decisioni.

  • Quali provvedimenti intende prendere per contrastare il peggioramento della raccolta differenziata (da 45% nel 2011 al 40% nel 2012),la pessima qualità delle frazioni raccolte e l’inciviltà dell’abbandono di rifiuti di ogni genere attorno ai cassonetti stradali?

Giorgio Cangiano snocciola i numeri dell’arretramento della raccolta differenziata, retrocessa sotto la Guarnieri, rispetto all’amministrazione di centro sinistra e ricorda che la Regione premia con un contributo sostanzioso i comuni virtuosi e che la somma può essere utilizzata per abbassare il costo Tarsu ai cittadini. Tutti i candidati deplorano come la differenziata si sia ridotta e concordano sul come aumentarla potenziando il porta a porta; Milani e Giraldi, ma anche Nucera propongono modi per premiare la cittadinanza se virtuosi. La città è più sporca, ma la tarsu costa un pochino meno, ricorda Nucera. Risparmiare sulla pulizia produce più danni di quanto si risparmi – replica Cangiano.

* I sei candidati Sindaco del comune di Albenga: Giorgio Cangiano (Pd, Talea d’Albenga, Voce alla Gente più, Per Albenga), Ivano Corallo (MoVimento 5 Stelle Albenga), Pier Giorgio Giraldi (ViviAlbenga), Rosy Guarnieri (Lega Nord, Forza Italia, Scelgo Albenga, Giovane Albenga), Davide Milani (Alternativa per Albenga), Massimiliano Nucera (FacciAmo Albenga, Civica Ingauna, I Giovani della Città).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*