Savona: mercato dei prodotti agricoli a km zero in piazza del Brandale

Mercoledì 2 aprile si terrà il primo appuntamento con il mercato dei pomodoro cuore bue Gprodotti agricoli a km zero in Piazza del Brandale. Il progetto vede insieme Coldiretti Savona, CIA Savona e Comune in un’iniziativa che avrà cadenza ogni 1° (a cura di Coldiretti) e 3° (a cura di CIA) mercoledì del mese, per proporre ai consumatori prodotti provenienti direttamente dai produttori della provincia di Savona, di qualità, freschi di stagione, no-ogm.

I circa 15/20 banchi che saranno presenti all’ombra delle Torri del Brandale, saranno coordinati da un punto di vista delle strutture attraverso appositi gazebi espositivi. Il progetto risponde alle campagne nazionali indette per una più forte consapevolezza dei consumatori verso i prodotti italiani a chilometro zero, con particolare riferimento a Campagna Amica della Coldiretti e La spesa in campagna della CIA, per un discorso di sostegno all’agricoltura nazionale e locale ma anche di educazione alimentare. Nel caso specifico di Savona c’è poi un affascinante richiamo all’antichissimo mercato delle erbe che si teneva proprio sotto la Campanassa, dove i contadini portavano in ceste e cavagne i prodotti degli orti della campagna savonese.

Afferma l’Assessore allo Sviluppo Economico Paolo Apicella: “Sono molteplici gli aspetti da sottolineare di questo progetto. In primo luogo ci interessa il contatto diretto tra produttore e consumatore, con un probabile abbattimento dei costi e soprattutto una garanzia di qualità; c’è poi la necessità di una risposta ad un comparto in crisi, alla ricerca di nuovi spazi di mercato, ma senza ricadere negativamente sul tessuto commerciale della città, attraverso una cadenza non invasiva di due volte al mese; la location ha poi un riferimento culturale con la storia di Savona nei suoi legami con l’antica Piazza delle Erbe, dove i contadini portavano i loro prodotti, in una zona che comunque anche oggi necessita di iniziative particolari e di qualità per attrarre visitatori. In questo senso il progetto vuole essere un richiamo per tutto il comprensorio, compreso il Mercato Civico, oggetto di una sostanziale riqualificazione dal punto di vista del ruolo e dell’identità, che se ben gestito può beneficiare della presenza di nuovi clienti e di iniziative di qualità nell’area facendola diventare una sorta di punto di riferimento per il gusto e i prodotti tipici. In ultimo credo sia importante un rapporto diretto con le Associazioni di Categoria, responsabili dell’organizzazione, con le quali l’Amministrazione ha tutto l’interesse nel rapportarsi e nel lavorare insieme. La location sarà provvisoria, e durerà per tutto il 2014 in attesa di una definitiva sistemazione in Piazza del Popolo una volta che i lavori di risistemazione della piazza saranno terminati”.

Alla conferenza erano presenti Gerolamo Calleri direttore della Coldiretti di Savona insieme al vice direttore Roberto Minuto, mentre invece la CIA Savona era presente con il direttore provinciale Osvaldo Geddo e con Valtero Sparso responsabile della CIA per Savona. Entrambe le associazioni di categoria hanno sottolineato l’importanza di questo tipo di iniziative a favore dei consumatori, per una maggiore conoscenza e consapevolezza nell’acquisto dei prodotti del territorio, soprattutto legati alla stagionalità: “evitare di comprare ciliege a dicembre, giunte in aereo dall’altro capo del mondo, significa fare un gesto concreto ed etico per evitare inquinamento e dispendio di energie inutili e anzi dannose, e nel contempo valorizzare le imprese agricole a km zero, con ricadute positive per l’ambiente e per l’economia”.