Don Mazzi, “Mai perdono a chi ha condannato Berlusconi”? La bufala dei quotidiani e la fiondata dei Fieui di caruggi contro “i giornali pirla” (video intervista)

di Fabrizio Pinna e Mary Caridi – “Mai perdono a chi ha condannato Berlusconi”? È di nuovo polemica su una vera e propria “bufala” rilanciata ieri ad Albenga da alcuni giornali (e “giornalisti”) in occasione del premio “Fionda di Legno 2014” consegnato dalle mani di Antonio Ricci a Don studiorossello-8185Mazzi. Nessuna conferma infatti è arrivata da parte sua della veridicità di questa affermazione: Don Mazzi sabato al contrario ha ribadito che alcune sue dichiarazioni trasmesse recentemente nel programma KlausCondicio di Klaus Davi sono state invece estrapolate e semplificate ad arte, distorcendone così il senso.

Ma se queste sono state le precisazioni di Don Mazzi durante la premiazione all’Ambra di Albenga, tutt’altra è stata ieri la “strillata” di alcuni quotidiani, tanto da creare anche irritazione tra i Fieui di carruggi – organizzatori della manifestazione – che hanno visto “‘maltrattato’ il loro ospite da certa stampa”, come spiega oggi il portavoce Gino Rapa nella video-intervista corsara di Mary Caridi.

“Siamo rimasti veramente sorpresi del fatto che un giornalista, responsabile tra l’altro dei servizi Ansa e quindi a livello nazionale, abbia riportato delle notizie completamente false o distorte; noi abbiamo il video, il filmato dell’intera manifestazione. Hanno messo in bocca a Don Mazzi parole che non ha detto o addirittura l’esatto contrario di quello che ha detto” puntualizza Gino Rapa, il quale non risparmia una sonora fiondata a certo modo di fare (dis)informazione: “Evidentemente, aveva ragione Don Mazzi quando all’Ambra ha parlato di ‘giornali pirla’”.

Ma ad Albenga la polemica è montata anche sull’annuncio dato in apertura della Fionda della imminente inaugurazione del point del Centro Oncologico Ligure – diretto dal prof. Guglielmo Valenti – che sarà attivo una volta a settimana (il venerdì) nei locali appositamente preparati e messi a disposizione dallo studio dentistico di Eraldo Ciangherotti: cosa che a molti è sembrata uno spot per il lancio in grande stile della campagna elettorale dell’ex assessore ai Servizi Sociali, candidato alle prossime amministrative di fine maggio.

Si tratta di un progetto nato nel 2011, ricorda tuttavia Gino Rapa, ma in questi anni “l’apertura dell’ambulatorio è stata contrastata in tutti i modi, soprattutto per evidenti interessi di tipo economico”; da qui il tentativo – “in tempi non sospetti, molto prima della caduta della Giunta Guarnieri” – di coinvolgere l’assessorato ai Servizi Sociali.

Continuando a trovare ugualmente tutte le porte chiuse, spiega Rapa, alla fine Eraldo Ciangherotti ha offerto il suo aiuto personale che è stato accettato: “casualmente l’apertura del Centro Oncologico Ligure cade con la campagna elettorale di Albenga; noi sapevamo che potevamo andare incontro a questo rischio, ma pensiamo comunque che la salute delle persone vada al di sopra di tutto questo. Pensiamo di aver riconfermato in più occasioni che siamo liberi da ogni asservimento a qualunque partito, per cui noi confermiamo totalmente la nostra libertà e ringraziamo ancora il dottor Ciangherotti per averci donato i locali: ce li avessero donati altri, li avremmo presi volentieri anche da altri”.

* Nella fotogallery (a cura dello © Studio Fotografico Rossello – Albenga) alcuni momenti della premiazione avvenuta ieri

1 Comment

  1. Grande Gino come al solito.
    Avresti potuto anche infilare il coltello nella piaga sul fatto che altri hanno anche loro “donato” locali..molto ampi…, ma con la differenza che non erano i loro ma della collettività…e che gli scopi non erano esattamente gli stessi, ma non l’hai fatto per evidente differenza di spessore tra te e chi ti vorrebbe etichettare politicamente.
    Sulle inaugurazioni c’è da dire che di inaugurazioni strategiche e aperture casualmente coincidenti, gli ultimi a poter parlare sono proprio quelli che hanno alzato questa polemica con il chiaro scopo elettorale, se per elettorale si intendono queste bassezze.
    Bravo come sempre (peccato non potere mai vedere una tua candidatura).
    La città avrebbe bisogno di te anche in altre forme.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*