Approvata la nuova normativa sulla pesca sportiva nelle acque interne liguri

È legge la nuova normativa sulla pesca sportiva nelle acque interne liguri. Renata Briano 01A due mesi dal varo, da parte della giunta Burlando, su proposta dell’assessore Renata Briano, anche l’Assemblea Regionale ha approvato, nel pomeriggio, il provvedimento che punta a sostenere lo sviluppo ecosostenibile, migliorare la gestione della pesca sportiva nelle acque interne liguri , semplificare le procedure e incrementare le risorse (vincolate) alle Province e alle associazioni pescasportive. Queste ultime riceveranno l’intero ammontare delle sovrattasse della pesca.

La nuova normativa modifica la legge n.21 del 2004, attualmente in vigore. La pesca sportiva nei torrenti e nei laghi dell’entroterra è “un importante volano per lo sviluppo sostenibile del turismo e delle sue eccellenze ambientali, paesaggistiche, agroalimentari con i prodotti di qualità del territorio e va incentivata e sostenuta con nuove forme di ecoturismo e non solo, con questa nuova normativa dobbiamo recuperare terreno”, afferma l’assessore.

Negli ultimi dieci anni l’attività di pesca sportiva nelle acque interne liguri ha segnato, infatti, un sensibile calo. Nel 2000 i pescasportivi in Liguria erano circa 10 mila, scesi nel 2012 a poco meno di seimila, con pesanti contraccolpi per l’economia locale, a cominciare dagli agriturismi, le locande, le trattorie e gli altri esercizi commerciali.

Fra le novità contenute nella nuova legge regionale, la carta ittica regionale sullo stato delle popolazioni ittiche e dell’ecosistema acquatico, le modalità di immissione, la classificazione delle acque pubbliche e la sostituzione della licenza di pesca che sarà sostituita dalla sola ricevuta del versamento delle tasse di concessione, mantenendo solo il modello A per la pesca professionale. Cancellate anche le licenze di pesca gratuite da parte delle Province per i minori di 16 anni, basterà il documento di riconoscimento e della licenza collettiva per scuole, disabili in occasione di manifestazioni.

Previsto anche il rilascio di un permesso di pesca temporaneo con pagamento ridotto a chi vorrà provare a pescare per la prima volta.