Rossetti: confermata l’addizionale regionale Irpef per i redditi sotto i 28.000 euro

Si conferma che nel 2013 l’addizionale regionale Irpef, per quanto riguarda Pippo Rossetti 01la parte della Regione che viene trattenuta nel 2014, è stata eliminata dai redditi sotto i 28.000 euro. Inoltre sulla basta paga la voce aliquota regionale dell’1,23% è stabilita dal governo per tutte le regioni italiane e su questo la Regione non puo’ intervenire. Lo precisa l’assessore regionale al bilancio, Pippo Rossetti visto che per i pensionati l’INPS non ha ancora provveduto ai conguagli, nonostante i solleciti degli uffici regionali, che dovrebbero avvenire sulle pensioni di marzo.

Precisa inoltre che le aliquote a regime dell’addizionale regionale IRPEF pubblicate sul sito della Regione per il 2014 e che verranno trattenute nel 2015 sono quelle fissate dalla legge regionale n. 43 del 2007 e che come avviene ogni anno il consiglio regionale potrà elevare la fascia di esenzione anche oltre i 20.000 euro, sulla base dell’andamento della spesa sanitaria, come avviene dal 2008.

La misura ordinaria applicata, sia a stipendi che a pensioni è quella prevista nell’annualità precedente, quindi nel 2014 si paga l’aliquota stabilita per l’anno 2013, dove è prevista l’esenzione fino a 28.000 euro.

Nelle passate annualità la situazione ad inizio anno si presentava come quella ad oggi vigente. Le varie leggi finanziarie approvate a fine anno hanno portato a queste esenzioni: anno 2008: maggiorazione oltre 25.000; anno 2009: maggiorazione oltre 30.000; anno 2010: maggiorazione oltre 30.000; anno 2011: maggiorazione oltre 30.000; anno 2012: maggiorazione oltre 27.000; anno 2013: maggiorazione oltre 28.000

La misura dell’addizionale che dipende da Regione Liguria per il 2014 e pagata nel 2015 sarà definita dalle disposizioni che il consiglio regionale potrà introdurre a fine anno, nel caso in cui il disavanzo sanitario da coprire lasciasse gli spazi sufficienti.

GOS del nucleo della Spezia fa brillare bomba

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*