Loano, “Nostra Signora del Rosario”: ricordo in occasione del centenario del naufragio

Sabato 1 marzo, a Loano, in occasione del centenario del naufragio, in Loano il tesoro scampatoOceano Atlantico a largo di Agadir, del brigantino a palo “Nostra Signora del Rosario”, ultimo grande veliero della marineria loanese, si svolgerà l’iniziativa “Il tesoro scampato al naufragio”, organizzata dall’Associazione Dopodomani Onlus con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano.

La commemorazione si aprirà alle ore 15.00, sul Molo Kursaal con la deposizione da parte del Com.te Italo Elice (il più elevato in grado marinaro tra i discendenti dell’equipaggio scomparso) di una corona commemorativa davanti al monumento ai caduti del mare. Seguirà poi la presentazione del libro “L’Ultimo viaggio del Nostra Signora” di Giorgio Genta, che si svolgerà alle ore 16.00 nell’Oratorio delle Cappe Turchine.

Giorgio Genta, nipote del comandante perito con tutto l’equipaggio nel naufragio, ha rinvenuto materiale storico di notevole interesse, un piccolo tesoro che racconta un’epoca attraverso la vita del comandante del veliero naufragato: le relazioni familiari, il paese, l’industria, la politica e i grandi eventi storici del novecento.

“Il ritrovamento di centinaia di lettere, diari, foto, documenti personali e di bordo, annotazioni, verbali, articoli di quotidiani d’epoca, pubblicazioni in italiano e in inglese, documenti d’affetto e di costume – spiega Giorgio Genta – ci ha spinto ad organizzare un momento di riflessione sull’evento e sul periodo storico, con il coinvolgimento del prof. Fabio Caffarena, docente di Storia Contemporanea presso l’Università di Genova e direttore dell’Archivio Ligure della Scrittura Popolare, appassionato cultore e studioso dei documenti del Novecento, che parteciperà alla presentazione del libro”.

All’incontro, inoltre, parteciperanno l’autore Giorgio Genta, Riccardo Ferrari, Italo Elice. Nel corso della conferenza saranno proiettate le immagini dei documenti d’epoca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*