Albenga- Manifesto della lista civica Talea d’Albenga

logotaleaInizia a delinearsi ad Albenga la mappa delle liste che prenderanno parte alle prossime amministrative di primavera. La lista civica Talea d’Albenga, la quale nei giorni scorsi ha ufficializzato insieme al Pd e a Voce alla Gente il suo appoggio alla candidatura a sindaco di Giorgio Cangiano, in una lettera/manifesto che ha iniziato a circolare in queste ore spiega le ragioni della scelta e punti programmatici che la distiguono.

«La lista civica Talea d’Albenga nasce dal movimento che ormai da alcuni anni lavora per mettere insieme esperienze, professionalità e idee.
Al centro di ogni ragionamento c’è l’individuare quali siano le scelte migliori per il nostro territorio e la nostra comunità, mai contro o a favore di qualcuno, nel rispetto delle opinioni altrui. L’interesse, pur legittimo, di un singolo o di tanti singoli spesso non coincide con l’interesse della comunità.

L’amministrazione comunale deve essere il centro propulsivo di proposte, progetti e azioni, non il mediatore di beghe private alla continua ricerca di precari equilibri. Deve portare avanti progetti, realizzandoli in tempi certi, con al centro la persona e quindi la salute, il lavoro e tutti i servizi che rendono una comunità degna di tale nome, non un branco di egoisti senza controllo.
Non c’è posto per chi pensa che, alle elezioni, il problema sia vincere, per poi aspettare di sfruttare al meglio per sé, o pochi altri, le opportunità che “il potere” dà, o per chi ancora utilizza questo ruolo per la propria carriera politica o scalata nelle gerarchie dei vari partiti.

La sintonia, la sensibilità unita ad entusiasmo, la volontà e la chiarezza di idee che abbiamo riscontrato in Giorgio Cangiano ci hanno convinti ad appoggiare la sua candidatura senza nulla togliere alla nostra visione e alla nostra volontà di procedere su questa strada avendo in lui un fondamentale alleato.

Abbiamo condiviso l’idea di porre al centro del nostro programma il cittadino con la sua dignità, i suoi bisogni, i suoi desideri e in particolare: il diritto alla salute fuori dai giochi di potere sulle nostre strutture sanitarie; il diritto a servizi sociali che funzionino al meglio, per chiunque ne abbia bisogno senza alcuna discriminazione o colpevolizzazione; il diritto al lavoro, quindi sviluppo dell’economia, cioè valorizzare i nostri prodotti agricoli, razionalizzare le nostre attività commerciali, sviluppare un turismo di qualità ecc.; il diritto all’istruzione e quindi scuole razionali e adeguate, una cultura che ci renda più attenti, saggi e consapevoli di ciò che siamo e di ciò che abbiamo ereditato; promuovere una cultura del territorio, che vuol dire ambiente, non in senso ideologico ma di salvaguardia e, dove possibile, di recupero di ciò che la natura ci ha generosamente concesso a cominciare dall’acqua, che è la nostra vita; amore e cura del luogo in cui viviamo, con la coscienza che fuori dalla nostra porta di casa è terra di tutti (quindi anche nostra) non terra di nessuno, che si può sporcare, rovinare, depredare e occorre averne più cura, poiché ne usufruiscono in tanti e tutti (noi compresi), ne abbiamo diritto. Solo con questa coscienza vivremo in un posto pulito, ordinato e senza “rumenta”.

Dall’amore verso il nostro paese nasce anche il coinvolgimento della comunità, la fiducia verso gli altri, la ferma determinazione nei confronti di chi vuole deteriorare questa comunità e la collaborazione per una maggiore sicurezza.
Tutto troppo bello, forse, ma siamo molto lontani da chi vede nell’acqua, nei rifiuti, nel cemento, nella sanità ecc. solo dei “grandi” affari.
Sulla maggior parte di questi temi Talea ha lavorato in questi tre anni con varie iniziative e incontri dove chiunque ha potuto esprimere il proprio punto di vista.

Con Giorgio Cangiano ci siamo trovati d’accordo anche su alcuni punti fondanti della nostra campagna elettorale e, se i cittadini ci daranno l’incarico, del nostro modo di amministrare.
Chiunque abbia proposte, progetti o comunque una visione del ruolo della nostra città, sarà sempre da noi ben accetto e ci troverà disponibili alla condivisione e al confronto delle sue idee.
Nella nostra lista Talea d’Albenga, ci sono persone con adeguate capacità professionali in grado di portare avanti idee concrete per l’interesse e la prosperità della nostra città, garantendo l’impegno necessario ad amministrare il bene comune, che risulta essere molto più difficile della gestione dei propri interessi!»