Recupero del castello di Monte Ursino a Noli: un’opera da un milione e mezzo di euro

“Il recupero del castello di Monte Ursino a Noli è un’opera da un milione e Castello di Noli gennaio 2014mezzo di euro, finanziata per metà dalla Regione attraverso i fondi Por Fesr e per metà dal Comune, che sarà completata entro aprile”. Lo ha detto oggi il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando parlando in conferenza stampa del recupero del Castello Monte Ursino di Noli (SV), insieme con l’assessore Renzo Guccinelli, alla presenza del sindaco di Noli Ambrogio Repetto. L’opera, commissionata dal Comune di Noli, è costata un milione e mezzo di euro da fondi POR Fesr 2007/2013 (750 mila euro) e da fondi comunali (750 mila euro). I lavori erano iniziati a luglio 2012 e si concluderanno nell’aprile 2014 quando si terrà anche l’inaugurazione.

Il Castello di Monte Ursino, situato sulla collina di levante, sovrasta il centro storico di Noli. Il vecchio borgo ebbe un’importanza storica ed economica durante il Medioevo ed è considerato uno dei centri medievali di maggior interesse storico e artistico della Liguria avendo mantenuto quasi intatta l’antica struttura dell’impianto urbano all’interno delle mura di cinta. Recensito tra i borghi più belli d’Italia, conserva testimonianze architettoniche e monumentali di carattere religioso, civile e militare. Il monumento che più rappresenta l’importanza storica di Noli è il Castello di Monte Ursino, il cui primo impianto fu realizzato a partire dal XII secolo, così come la cinta muraria a difesa del borgo.

L’aspetto e la forma attuale sono databili al rifacimento del 1552, ad opera del capitano Andrea da Bergamo su indicazione della Repubblica di Genova. Il maschio circolare è racchiuso da un recinto poligonale a forme irregolari, con i resti di due torri visibilmente più recenti. La collina conserva anche antichi elementi e costruzioni (le casasse) del primitivo insediamento di Noli durante il dominio della famiglia Del Carretto nel XII secolo. Oggi il complesso conserva la cinta muraria ornata da bastioni circolari che arrivano fino all’abitato di Noli, oltre alla Piazza del Maschio, sovrastata dalla torre circolare, e il torrione del quale restano solamente due pareti coincidenti con le mura che delimitano la piazza sul lato a ponente.

Gli interventi in corso interessano tre aree del castello: quella esterna alle mura, dove si stanno realizzando i percorsi di accesso e il portale d’ingresso all’ascensore; l’area del Maschio, dove si sta consolidando il torrione e si stanno costruendo l’ascensore panoramico al suo interno, i servizi igienici, si sta riqualificando la Piazza del Maschio per spettacoli e manifestazioni culturali, oltre alla realizzazione degli interventi di messa in sicurezza a livello del cammino di ronda e di restauro delle mura; l’area interna alle mura, dove si stanno ricavando i percorsi di collegamento con l’area del Maschio, il ripristino del collegamento con il centro storico di Noli attraverso il sentiero del Vescovato e la riqualificazione dell’area verde interna alle mura. Al momento è in corso il rilascio dell’autorizzazione di una variante progettuale, funzionale alla piena ripresa dei lavori.