Albenga – Fuochi di mezzanotte, città divisa in due. Polemiche. Un’anziana si è persa, non sapeva come tornare a casa

1555453_10201280508395874_834463176_ndi Mary Caridi – Pur senza amministrazione in carica, la programmazione dei fuochi della notte di capodanno è filata liscia. A mezzanotte in punto, il ponte di Vadino e il cielo sopra Albenga si sono illuminati di fuochi pirotecnici che hanno incantato centinaia di persone che in piazza hanno festeggiato l’arrivo del nuovo anno.

Tutto bene dunque? No. La città verso le 18 era letteralmente separata in due. Ponte chiuso e qui iniziano le polemiche. Gli abitanti di Vadino che alle 18 erano nel centro storico o al di là del ponte e privi di auto o ragazzini senza patente o persone andate a far visita ad amici a Vadino non hanno potuto far altro che restare al di là o al di qua del ponte. Una persona anziana di 83 anni andata a far visita alla figlia, verso le 18 torna verso casa a Vadino. Arrivando al ponte le viene impedito, per ragioni di sicurezza, di attraversare il ponte rosso per tornare a casa. Inizia a vagare per il centro storico, cercando una strada alternativa che, a piedi non c’è.

Un ponte chiuso dalle ore 18 fino a notte inoltrata, dopo i fuochi di mezzanotte si sono rivelati una trappola per molti. Nel caso della signora anziana, la figlia ha dovuto chiamare i carabinieri, perchè di lei ancora alle 20.30 non si avevano notizie. E ancora una volta sono stati i carabinieri a risolvere il caso, trovando la signora e facendola accompagnare a casa in auto. Un invalido in carrozzina è restato mezz’ora al freddo e impaurito perché non sapeva come fare per tornare a casa. Ragazzini che volevano festeggiare sono rimasti bloccati perché non solo non avevano un auto, ma avrebbero dovuto percorrere un tratto di strada pericolosa per aggirare il divieto e percorrere un tratto di Aurelia.

Un problema che si sarebbe potuto risolvere con una semplice navetta e un minimo di organizzazione. Perché, è vero, i fuochi sono stati bellissimi, ma i disagi intollerabili per molti.

2 Comments

  1. Certamente ci sono state lacune nella organizzazione. A questo punto perché non farli nuovamente in zona mare?

  2. Inaudito! Solo ad Albenga può capitare una cosa così irresponsabile

I commenti sono bloccati.